È caccia ai complici del trans

Rapine ai re dei grotti e dei night: si stringe il cerchio attorno alle due persone che somministrarono il farmaco sedativo-ipnotico alle vittime prima di derubarle

È caccia ai complici del trans
Un caso che cinque anni fa fece versare fiumi di inchiostro.

È caccia ai complici del trans

Un caso che cinque anni fa fece versare fiumi di inchiostro.

BELLINZONA - Arrestato il transessuale, ora è caccia ai due complici. Si stringe il cerchio attorno all'uomo e alla donna che nell'estate 2012 parteciparono, a Bellinzona, alle rapine ai danni del re dei grotti Raffaele "Lele" Delcò e a quello dei night Giuseppe Francetti. Le ricerche degli inquirenti ticinesi si stanno concentrando in Italia, dove peraltro il trio si procurò il farmaco sedativo-ipnotico utilizzato per addormentare le vittime e poi derubarle.

Intanto, come riferito ieri dal CdT, il processo a carico del transessuale è slittato alle prossime settimane in quanto la presidente della Corte delle Assise criminali Rosa Item ha rinviato l'atto d'accusa al Ministero per la riduzione della proposta di pena formulata dalla pp Chiara Borelli.

I dettagli a pagina 14 del Corriere del Ticino in edicola oggi, sabato 28 ottobre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
    RICORRENZA UNESCO

    Ritorno al futuro per i castelli: la storia incontra la tecnologia

    Il sindaco di Bellinzona Mario Branda svela alcuni dei contenuti del progetto di valorizzazione della fortezza medievale - Verrà meglio messa in risalto la murata, parchi gioco tematici per i bambini, allestimenti moderni: «Abbiamo un patrimonio unico nel suo genere in tutto l’arco alpino»

  • 3
    Il programma

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 4
    Territorio

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 5
  • 1