È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

TECNOLOGIE

Bodio: la società promotrice del datacenter in un cunicolo nel quale immagazzinare e stoccare file elettronici è fallita un mese fa - Avrebbero dovuto essere creati 20-30 posti di lavoro - Lapidario il presidente dell’azienda Roland Herlig: «Non faremo più niente»

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
Un esempio di datacenter. © CdT/Archivio

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

Un esempio di datacenter. © CdT/Archivio

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
Nel cerchio rosso ecco l’entrata del cunicolo AlpTransit in disuso. © Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

Nel cerchio rosso ecco l’entrata del cunicolo AlpTransit in disuso. © Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
Quanto apparso sul Foglio ufficiale lo scorso 16 marzo. © CdT

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

Quanto apparso sul Foglio ufficiale lo scorso 16 marzo. © CdT

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni
© Dataverna SA

È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

© Dataverna SA

«La società è sciolta in seguito a fallimento pronunciato con decisione della Pretura del Distretto di Bellinzona del 10 marzo 2021». Una riga e mezzo e poco più, sul Foglio ufficiale del 16 marzo, per porre fine ai sogni della Dataverna SA. La ditta con uffici in viale Stazione in città è in liquidazione, come appreso ieri dal Corriere del Ticino. A molti lettori forse il nome non dirà nulla, ma di sicuro del progetto per la quale era stata costituita nell’aprile 2013 ne avete sentito parlare.

«Phoenix», idea 2.0

Sì, perché l’impresa aveva presentato un’idea pionieristica alle nostre latitudini (denominata «Phoenix») per realizzare un datacenter per lo stoccaggio e l’immagazzinamento di file elettronici in un cunicolo AlpTransit in disuso a Bodio. Investimento di 80 milioni di franchi e creazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1