«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»

Le REAZIONI

Bellinzona, il capo Dicastero Sicurezza Mauro Minotti si esprime sull’annullamento dell’edizione 2022 del Rabadan - Non è tuttavia escluso che qualche festaiolo, in ogni modo, si presenti nel centro storico per divertirsi: «Non potremo impedirlo, ma come Municipio faremo rispettare le restrizioni in vigore in quel momento»

«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»

«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»

«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»

«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»

«Ovviamente se qualcuno vorrà presentarsi nel centro storico per festeggiare non potremo impedirlo. Tuttavia come Municipio metteremo sicuramente dei paletti. Tutto dipenderà dalla situazione epidemiologica che ci sarà fra 2-3 mesi. Allo stato attuale, su questo punto, è pertanto prematuro esprimersi». Il capo Dicastero Sicurezza di Bellinzona Mauro Minotti non è ovviamente sorpreso della decisione della Società Rabadan di annullare il carnevale 2022 che avrebbe dovuto andare in scena dal 24 febbraio al 1. marzo nella zona dell’Espocentro. Il Municipio è stato informato nelle scorse ore e, a titolo personale, il nostro interlocutore parla di «scelta saggia: è un atto di responsabilità da parte degli organizzatori».

Decisioni sofferte

Se la decisione dell’Esecutivo di non concedere l’autorizzazione per lo svolgimento dei bagordi nella forma tradizionale (ovvero con, anche, i cortei dei bambini il venerdì e quello mascherato della domenica nonché le tendine nel salotto buono della Turrita) era stata sofferta, altrettanto lo è quella dei vertici del Rabadan di rinunciare anche ad un’edizione per così dire in versione ridotta. Per il secondo anno consecutivo la Città sarà dunque orfana della sua manifestazione principale. Per la società è finanziariamente un brutto colpo, a fronte dei costi di gestione che volente o nolente non spariscono, ma non tale da metterne in per fortuna in pericolo la sopravvivenza.

Massima attenzione

Adesso bisogna capire come reagirà il «popolo del carnevale»: avrà ancora voglia di festeggiare? Bella domanda. Difficile rispondere ora. Verosimilmente ci saranno degli sfegatati dei frizzi e lazzi che si presenteranno comunque nelle vie della capitale per qualche ora di bisboccia e sano divertimento. «Come Municipio dovremo valutare con attenzione la situazione. Bisognerà anche vedere quali restrizioni saranno in vigore, in quel momento, per contenere la diffusione da coronavirus e quali regole varranno per gli esercizi pubblici. Le forze dell’ordine vigileranno affinché le norme siano rispettate», rileva Mauro Minotti. Rispondendo lunedì sera in Consiglio comunale ad un’interpellanza, lo stesso municipale leghista aveva preannunciato che non potranno essere allestite mescite all’esterno dei locali.

«È una scelta saggia e un atto di responsabilità»
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Lo scout, e la fiducia cresce

    SEMINARIO

    Successo per il weekend di formazione proposto recentemente da Scoutismo Ticino a Bellinzona - È stata rinnovata la volontà di trovare un modo per affrontare le difficoltà anche nel mezzo della pandemia

  • 3
  • 4

    Bastoni tra le ruote della pista ciclabile

    Bellinzonese

    Sono state presentate alcune opposizioni al Cantone contro il progetto stradale e le espropriazioni necessarie per il tracciato tra Castione e Lumino che dovrebbe poi collegarsi con la Mesolcina - Tra chi contesta c’è anche l’Associazione AMICA

  • 5

    «Genitori indisciplinati: così non va»

    IL CASO

    Cadenazzo, il Municipio biasima il comportamento nei pressi delle scuole di automobilisti che ne combinano di tutti i colori - Intanto in febbraio partirà la «lotta» al traffico parassitario

  • 1
  • 1