Ennesimo blitz a luci rosse a Bodio

POSTRIBOLI

Nel Comune bassoleventinese si è appena concluso un controllo di polizia in un ritrovo osé, verosimilmente lo stesso già finito al centro di una retata prima di Natale - L’ispezione potrebbe essere legata alla verifica dell’adeguamento alle nuove norme cantonali

Ennesimo blitz a luci rosse a Bodio
© CdT/Putzu

Ennesimo blitz a luci rosse a Bodio

© CdT/Putzu

Ennesimo blitz a luci rosse a Bodio
© CdT/Archivio

Ennesimo blitz a luci rosse a Bodio

© CdT/Archivio

Ennesimo controllo di polizia in un postribolo di Bodio nel tardo pomeriggio di oggi, poco dopo le 16.30, con ogni probabilità lo stesso già al centro di un’ispezione il 19 dicembre scorso. Importante il dispiegamento di mezzi: gli agenti della Cantonale sono intervenuti con tre pattuglie e con un furgone. Bocche cucite a proposito della retata, che ci è stata comunque confermata da numerosi cittadini del paese bassoleventinese e dagli automobilisti in transito. Come da prassi solo domani gli inquirenti comunicheranno l’esito del raid e il numero delle persone controllate. Non è in ogni modo da escludere che l’ispezione odierna sia da ricondurre alle nuove norme che obbligavano i bordelli ticinesi a mettersi in regola entro il 31 dicembre scorso. Non è dato a sapere, infatti, allo stato attuale, quanti sono i locali osé che si sono effettivamente adeguati alle disposizioni cantonali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    La scuola è candidata a Bellinzona

    Elezioni comunali

    Sulle quattro liste per il Municipio finora ufficializzate, oltre un terzo dei candidati fa parte del mondo dell’educazione, di qua o di là dalla cattedra - La terza categoria finora maggiormente rappresentata è quella degli avvocati

  • 2

    PLR di Riviera pronto per le elezioni

    Assemblea

    Approvate le due liste in vista del 5 aprile - Obiettivo: confermare i due seggi nell’Esecutivo e i dieci nel Legislativo - In corsa anche il sindaco uscente Alberto Pellanda

  • 3

    Nessun colpevole per la moria di trote

    IL CASO

    Piscicoltura di Lostallo: il Tribunale cantonale amministrativo ha respinto il ricorso dell’azienda proprietaria che pretendeva dal Comune un risarcimento di quasi 2,5 milioni di franchi per quanto avvenuto nel febbraio 2010 - La sentenza è cresciuta in giudicato

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1