Ennio Ferrari, tagli "particolari"

L'impresa di Lodrino ha licenziato una ventina di dipendenti a causa dell'impossibilità di lavorare in inverno sui cantieri a nord del Ticino - C'è la volontà di riassumerli in futuro

Ennio Ferrari, tagli "particolari"
Meteo ed alta quota i motivi.

Ennio Ferrari, tagli "particolari"

Meteo ed alta quota i motivi.

LODRINO – Ci sono licenziamenti e licenziamenti. Come appreso oggi dal CdT, quelli che la Ennio Ferrari SA di Lodrino ha comunicato a fine ottobre a una ventina di suoi dipendenti sono "particolari". O meglio: sono dovuti all'impossibilità di lavorare sui cantieri a causa delle condizioni meteorologiche e dell'alta quota nonché per lasciare "libera" l'autostrada nei mesi tra novembre e febbraio come chiede la Confederazione. L'impresa attualmente ha diversi cantieri attivi a nord del Ticino (perlopiù in Leventina) e le bizze del tempo non consentono di proseguire con gli interventi, visto soprattutto che la neve è già scesa copiosa la scorsa settimana. Pertanto, come ci ha confermato il direttore Emilio Cristina, l'azienda ha informato gli operai (alcuni domiciliati, altri frontalieri) e i sindacati che a malincuore doveva lasciarli a casa. Con la volontà di riassumerli nei prossimi mesi, sempre ovviamente a dipendenza del lavoro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    elettricità

    C’è l’accordo fra Bellinzona e i «ribelli»

    Intesa raggiunta tra la Città e Arbedo-Castione, Lumino e Sant’Antonino per quanto riguarda la partecipazione agli utili dell’Azienda multiservizi - Con Cadenazzo il via libera era già stato trovato

  • 2
    Bellinzona

    «Piazza del Sole va rivalorizzata»

    Si anima il dibattito dopo il nostro articolo: il consigliere comunale Alessandro Lucchini invita il Municipio ad indire un nuovo concorso di idee per l’agorà cittadina

  • 3
    nuovo stabilimento

    «Vogliamo fortemente le Officine a Castione»

    Nostra intervista alla direttrice della Regione Sud delle Ferrovie Roberta Cattaneo che esclude la presenza di un piano B e rassicura gli operai sulla fase di transizione dall’attuale al futuro sito produttivo

  • 4
  • 5
    Officine FFS

    Referendum, più no che sì?

    Nuovo stabilimento industriale a Castione: l’Unione contadini ticinesi ha ricevuto chiare rassicurazioni dal Governo e dalle Ferrovie e potrebbe anche rinunciare alla raccolta firme - La decisione definitiva verrà comunque presa solo dopo il voto del Parlamento