BELLINZONA

Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

Durerà tre giorni il dibattimento di fronte alla Corte delle Assise criminali a carico del 37.enne accusato di assassinio per aver spinto dal balcone la compagna il 3 luglio 2017 - Lui però respinge ogni addebito e sostiene la tesi del suicidio

Eritrea morta: a processo dall’11 settembre
(Foto Reguzzi)

Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

(Foto Reguzzi)

Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

BELLINZONA – Si aprirà l’11 settembre di fronte alla Corte delle Assise criminali il processo a carico del 37.enne cittadino eritreo accusato di aver spinto dal balcone dell’appartamento di via San Gottardo 8 a Bellinzona la compagna il 3 luglio 2017. Come appreso oggi dal CdT, il dibattimento avrà una durata di tre giorni e sarà indiziario. L’imputato, difeso dall’avvocatessa Manuela Fertile, continua a negare di avere ucciso la 24.enne compagna e madre dei suoi due figli. L’uomo deve rispondere del reato di assassinio: in caso di condanna rischia almeno 10 anni di carcere. Subordinatamente il procuratore pubblico Moreno Capella ha prospettato l’imputazione di omicidio intenzionale. Le altre fattispecie che gli vengono rimproverate sono lesioni semplici, esposizione a pericolo della vita altrui, minaccia e coazione. Si riferiscono in particolare a quelli che in gergo l’accusa chiama segnali premonitori, ovvero in questo caso una lite fra i conviventi avvenuta un paio di mesi prima della tragedia che aveva necessitato l’intervento della polizia. Per il magistrato inquirente è l’indizio che il cittadino africano fosse geloso della 24.enne, temeva che lei intrattenesse una relazione con un altro uomo.

La gelosia sarebbe insomma il movente. Cosa successe quel tragico lunedì alle 23? Il 37.enne, secondo la ricostruzione di Moreno Capella, affrontò la giovane che l’aveva raggiunto in Svizzera assieme ai figli nel marzo 2017; dopo il battibecco verbale in casa, la lite si spostò sul terrazzo per concludersi con la morte della donna. Il cittadino eritreo respinge però, come detto, le accuse.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1