«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

IL CASO

Il collegamento che taglia in due Galbisio, frazione di Bellinzona, continua a suscitare preoccupazione fra gli abitanti che chiedono nuovi interventi urgenti di moderazione del traffico a Cantone e Città

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»
©CdT/Chiara Zocchetti

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

©CdT/Chiara Zocchetti

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

«Fate qualcosa, quella strada è pericolosa»

I problemi di traffico e, più in generale, quelli legati alla mobilità in senso lato, sembrano essere diventati la preoccupazione numero uno dei bellinzonesi. Nelle cinque serate, svoltesi finora, del tour municipale nei quartieri a due anni e mezzo dalla nascita della Nuova Città il tema ha fatto più volte capolino. Pensiamo ad esempio a Gudo, Pianezzo, Gnosca e Sant’Antonio. Ma c’è chi – e ci riferiamo agli abitanti di Galbisio, frazione della Turrita – è da anni che si batte affinché si risolva una situazione che non fa dormire sonni tranquilli. Si tratta di via Galbisio, attraversata dalla strada cantonale che la taglia in due che numerosi automobilisti usano come scorciatoia invece di percorrere via San Gottardo per dirigersi dalla capitale verso nord o da Arbedo-Castione verso sud. Soprattutto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1