Frana di Gudo, iniziati i lavori di sgombero della strada

Maltempo

Le nove persone sfollate non potranno rientrare nelle loro abitazioni prima della prossima settimana

 Frana di Gudo, iniziati i lavori di sgombero della strada
Grazie alla fine delle piogge si sono potuti eseguire i primi interventi di messa in sicurezza in zona Sasso Grande.  © Ti-Press/Alessandro Crinari

Frana di Gudo, iniziati i lavori di sgombero della strada

Grazie alla fine delle piogge si sono potuti eseguire i primi interventi di messa in sicurezza in zona Sasso Grande.  © Ti-Press/Alessandro Crinari

Dovranno pazientare ancora qualche giorno le nove persone sfollate dalle loro abitazioni nella notte tra martedì e mercoledì a causa dello smottamento avvenuto sulla collina sopra il paese di Gudo. Tutti hanno trovato senza grandi difficoltà una sistemazione alternativa. Vi dovranno fa capo almeno fino all’inizio della prossima settimana. Prima è poco probabile che possano rientrare nelle loro abitazioni. Anche perché è verosimile che i lavori di sgombero di via Sasso Grande possano concludersi prima. Sono iniziati questo pomeriggio approfittando della fine delle precipitazioni, ma il materiale franato dalla montagna è parecchio. Bisogna poi considerare, spiega il responsabile del settore ambiente dei Servizi urbani comunali Daniele Togni, che per il weekend sono annunciate nuove piogge. Per non mettere a repentaglio l’incolumità degli operai, se le precipitazioni dovessero risultare abbondanti i lavori sarebbero immediatamente sospesi. La tregua concessa in queste ore dalla meteo ha anche consentito di eseguire i primi interventi di messa in sicurezza della zona in cui si trovano le tre abitazioni lambite dallo scoscendimento, con in particolare la rimozione dei sassi. Come detto si dovrà attendere il via libera di geologi e tecnici prima di rendere di nuova accessibile la zona del Sasso Grande. Non è escluso che, se le condizioni lo permetteranno, gli sfollati possano raggiungere a piedi e accompagnati le loro abitazioni per recuperare eventuali oggetti di prima necessità che non hanno potuto prendere con loro quando hanno dovuto uscire di casa in fretta e furia nel cuore della notte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Le sigarette dovranno rimanere spente nei parchi giochi

    IL CASO

    Bellinzona, via libera del Consiglio comunale al divieto con l’obiettivo di tutelare la salute dei bambini e dare un segnale forte nella prevenzione del tabagismo - Si potrà invece continuare a fumare alle fermate dei bus

  • 3

    Che casino: ma alla fine è tutto OK

    ISTITUZIONI

    Bellinzona, il Legislativo approva i consuntivi 2020 dei cinque enti autonomi comunali nonostante i dubbi della destra e del Movimento per il socialismo - L’ex sindaco Brenno Martignoni Polti: «Mettiamo a disposizione gli spazi dei musei agli artisti indipendenti» - Giuseppe Sergi: «Siamo contrari ai contratti di prestazione» - E su Carasc il capogruppo leghista Luca Madonna, dopo essere intervenuto, è invitato a lasciare la sala

  • 4

    Diventare apprendista per la Città di Bellinzona

    Formazione

    Sono una settantina i giovani che stanno imparando una professione nell’Amministrazione comunale della capitale: sabato 2 ottobre un pomeriggio in cui si potranno scoprire le varie possibilità e informarsi

  • 5

    Opere di premunizione, via libera al potenziamento

    Lumino

    Il Consiglio comunale ha approvato, con qualche modifica, il messaggio con la richiesta di un credito di oltre mezzo milione di franchi per la progettazione e la realizzazione di nuove vasche di contenimento per il riale Valentra

  • 1
  • 1