«Gestione dei castelli chiara e trasparente»

Cambio di passo

Via libera della Gestione alla nuova convenzione tra Città di Bellinzona e Cantone

 «Gestione dei castelli chiara e trasparente»
La soluzione individuata dal Municipio ha carattere transitorio: varrà al massimo fino al 2025. ©CdT/Archivio

«Gestione dei castelli chiara e trasparente»

La soluzione individuata dal Municipio ha carattere transitorio: varrà al massimo fino al 2025. ©CdT/Archivio

Chiarezza e trasparenza erano state chieste a gran voce quando si era deciso di coprire il disavanzo di 580.000 franchi accumulato dal 2010 al 2017. Chiarezza e trasparenza che ora contraddistinguono la nuova forma di governance transitoria dei Castelli di Bellinzona che vede la Città assumere il ruolo di leader. Lo evidenzia la Commissione della gestione dando il suo benestare al messaggio che verrà discusso dal plenum del Consiglio comunale il prossimo 25 novembre. Nel rapporto (relatrice Lelia Guscio, Lega) i commissari rilevano come dal punto di vista politico la soluzione individuata dal Municipio, seppur limitata ad un periodo massimo di cinque anni in attesa della concretizzazione del progetto di valorizzazione dei tre manieri, rappresenta un cambio di passo e una conseguente nuova attitudine che erano stati auspicati quando si decise di appianare i debiti accumulati dall’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (OTR-BAT) nella gestione dei tre manieri medievali. La nuova convenzione prevede ora infatti solo due partner, il Cantone e la Città, mentre all’OTR-BAT verranno demandati gli aspetti operativi.

Piena responsabilità

Il Cantone metterà i castelli a disposizione della Città, la quale si assumerà il compito di gestirli e di amministrarli «non sottraendosi a responsabilità politiche, legali e istituzionali» rileva ancora la Gestione precisando che la tanto criticata commissione dei castelli verrà soppressa e al suo posto verrà istituito un gruppo di lavoro formato da alti funzionari dell’Amministrazione comunale.

Trasloco in vista per l’OTR-BAT

Nelle sue osservazione la Gestione annuncia poi l’intenzione del Municipio di allestire un messaggio contenente il credito di progettazione per la sistemazione della sede di BancaStato in piazza Collegiata dove poter inserire gli uffici dell’OTR-BAT e il visitor’s center.

Nel Legislativo rientra il Noce

Nella seduta del 25 novembre il Consiglio comunale sarà chiamato anche a dare via libera ad un cambio nei banchi del gruppo Lega/UDC/Indipendenti/Noce. Marco Ottini, già municipale PLR, ha rassegnato le dimissioni dopo essersi domiciliato a Lumino. Il suo posto sarà preso da Michele Cenzi che fu consigliere comunale della «vecchia» Bellinzona per il movimento allora capitanato da Brenno Martignoni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1