“Giova” torna con Evviva Rorè

Roveredo, clamoroso rientro sulla scena politica del Comune bassomesolcinese dell'ex sindaco Gobbi - E l'inizio è col botto: c'è un ricorso al TRAM

“Giova” torna con Evviva Rorè
La sede amministrativa del capoluogo di valle.

“Giova” torna con Evviva Rorè

La sede amministrativa del capoluogo di valle.

ROVEREDO - C'è un nuovo partito a Roveredo. Ed il suo presidente non è una persona qualunque, ma il battagliero ex sindaco Giovanni «Giova» Gobbi. Evviva Rorè, questo il nome dello schieramento, parte con il botto inoltrando ricorso al Tribunale amministrativo cantonale contro lo stralcio della lista di Viva Rorè dalle elezioni del Consiglio comunale previste domenica 2 dicembre. Arrivati a questo punto serve una spiegazione. Alla lista Viva Rorè presentata dal candidato Mario Albini (che ora è il vicepresidente di Evviva Rorè) il Municipio aveva chiesto di cambiare denominazione in quanto tra gli elettori si sarebbe potuta creare confusione a causa della presenza del Gruppo Rorè Viva. Dopo una consulenza giuridica che «ci ha permesso di capire che le possibilità di vincita del ricorso sono buone», Albini ha deciso di impugnare la decisione dell'Esecutivo di fronte al TRAM. Nel frattempo, come visto, al posto di Viva Rorè è nata... Evviva Rorè.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
    BELLINZONA

    Christian Paglia convoca la stampa: cosa succede?

    Il capodicastero Opere pubbliche e ambiente ha invitato i media ad un «momento informativo» previsto domani - Di più non si sa, e le bocche a Palazzo civico sono cucitissime: lascia il Municipio?

  • 3
    BILANCIO

    Guarda che belli i castelli di Bellinzona

    Nel 2019 sono stati 50.000 i visitatori paganti del patrimonio UNESCO cittadino - Complessivamente le persone che hanno ammirato le corti dei manieri e la Murata sono state oltre 100.000 - Il risultato finanziario è migliorato rispetto al 2018

  • 4
  • 5
    pandemia

    Morti in casa anziani tra visite, pasti e frontalierato

    Dopo i 21 decessi nell’istituto di Sementina, il Municipio di Bellinzona ribadisce l’applicazione delle normative anti COVID - Non risulta che personale contagiato abbia continuato a «sconfinare» - Respinte anche le accuse su tamponi e refezione

  • 1