“Giù le mani, si voti al più presto”

FFS - Il comitato delle Officine di Bellinzona chiede che l'iniziativa del 2008 venga sottoposta al voto del Gran Consiglio e del popolo

“Giù le mani, si voti al più presto”

“Giù le mani, si voti al più presto”

BELLINZONA - "Non siamo contro il trasloco delle Officine di Bellinzona in un'altra sede, ma quest'ultima dovrà salvaguardare i posti di lavoro e avere un vero piano industriale, garanzie che oggi non esistono e che non sono contemplate dai messaggi sottoposti ai Legislativi comunale e cantonale". Dopo l'assemblea del personale e quella dell'associazione negli scorsi giorni, oggi alla Casa del Popolo ha preso la parola il Comitato capeggiato da Gianni Frizzo. Chiaro il messaggio lanciato alla politica: si punta tutto sull'iniziativa popolare del 2008 che chiede il potenziamento dell'attività industriale a prescindere dal luogo in cui verrà insediata. L'auspicio è che il testo venga al più presto sottoposto al voto del Gran Consiglio e poi, in caso di bocciatura, al popolo ticinese. Solo tramite quanto prevede la stessa iniziativa, è stato spiegato, il progetto di Castione non sarà una scatola con contenuti ignoti, la cui unica certezza oggi è l'ampio sacrificio di impieghi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    elettricità

    C’è l’accordo fra Bellinzona e i «ribelli»

    Intesa raggiunta tra la Città e Arbedo-Castione, Lumino e Sant’Antonino per quanto riguarda la partecipazione agli utili dell’Azienda multiservizi - Con Cadenazzo il via libera era già stato trovato

  • 2
    Bellinzona

    «Piazza del Sole va rivalorizzata»

    Si anima il dibattito dopo il nostro articolo: il consigliere comunale Alessandro Lucchini invita il Municipio ad indire un nuovo concorso di idee per l’agorà cittadina

  • 3
    nuovo stabilimento

    «Vogliamo fortemente le Officine a Castione»

    Nostra intervista alla direttrice della Regione Sud delle Ferrovie Roberta Cattaneo che esclude la presenza di un piano B e rassicura gli operai sulla fase di transizione dall’attuale al futuro sito produttivo

  • 4
  • 5
    Officine FFS

    Referendum, più no che sì?

    Nuovo stabilimento industriale a Castione: l’Unione contadini ticinesi ha ricevuto chiare rassicurazioni dal Governo e dalle Ferrovie e potrebbe anche rinunciare alla raccolta firme - La decisione definitiva verrà comunque presa solo dopo il voto del Parlamento