Il lupo è tornato: uccise 6 pecore

ALTO TICINO

Il predatore ha colpito nell’ultimo mese, in due occasioni, in valle Bedretto: all’alpe di Pesciora e ai 1.800 metri della Traversa di Cavanna - I capi appartenevano a un anziano agricoltore

Il lupo è tornato: uccise 6 pecore
(Foto Internet)

Il lupo è tornato: uccise 6 pecore

(Foto Internet)

ALTO TICINO – Ora non ci sono davvero più dubbi: in questa calda estate nell’alto Ticino si aggira un lupo affamato. Il predatore ha ucciso sei pecore in due distinti attacchi, perpetrati il 6 luglio all’alpe di Pesciora (ad oltre 1.900 metri di altitudine) e ai 1.800 metri della Traversa di Cavanna il 14 luglio, entrambe in valle Bedretto. Lo hanno confermato le analisi genetiche eseguite dal laboratorio di biologia della conservazione dell’Università di Losanna che hanno ribadito quanto già i collaboratori dell’Ufficio della caccia e della pesca avevano immaginato sulla base della visione delle carcasse degli ovini: l’attacco è stato sferrato dal temuto mammifero. I capi appartenevano ad un anziano agricoltore il quale nulla ha potuto per evitare le perdite. Nemmeno affidarsi a dei cani maremmani con l’obiettivo di difendere il gregge.

Del lupo nell’alto Ticino si erano perse le tracce da esattamente un anno; il 22 agosto 2018 aveva colpito nella zona del Lucendro. In precedenza l’ultima predazione certa risaliva al 3 luglio 2017 a Quinto, in zona Cascina Rosserora; allora a finire tra le fauci del canide (una femmina, mai osservata fino a quel momento in Svizzera, soprannominata F34) era stata una capra. Ben peggio aveva fatto tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio 2017 il maschio M75 che in Leventina e in Mesolcina si cibò di 25 esemplari di bestiame da reddito. Ciò che aveva portato i Governi di Ticino e Grigioni (e poi anche di San Gallo) ad autorizzare il suo abbattimento. Il mammifero è scomparso e verosimilmente si trova in Germania. Complessivamente nel 2017 le predazioni sono state 27. Attualmente in Ticino sono presenti una dozzina di lupi, considerando anche la folta muta in Valle Morobbia. Dal 2006 al 2017 sono stati uccisi 192 animali da reddito.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Da orfana a prostituta, poi la ricerca dell’amore

    IL CASO

    A processo la donna che avrebbe dovuto sposare il richiedente l’asilo pachistano, vittima della sparatoria avvenuta a fine dicembre 2017 a Giornico - «Lei credeva davvero di formare una famiglia con lui»

  • 3
  • 4
  • 5

    Quando fu bloccata la «fabbrica dei veleni»

    AMIANTO

    Mentre alle Officine FFS di Bellinzona si sta cercando di fare piena luce sulle morti di alcuni operai dovute alla pericolosa sostanza torna alla mente la protesta dei cittadini di Balerna contro l’insediamento della ditta Boxer Asbestos

  • 1
  • 1