BENEDETTINI

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

La cerimonia di benedizione di Madre Maria Sofia Cicchetti è stata presieduta dal Vescovo di Lugano Valerio Lazzeri - LE FOTO

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa
(Foto Antonio Schmidt)

Il monastero di Claro ha una nuova abbadessa

(Foto Antonio Schmidt)

CLARO - Giornata storica per la comunità benedettina del Monastero di Santa Maria Assunta sopra Claro, che dopo 48 anni torna a essere retto da una Abbadessa. La celebrazione della Benedizione abbaziale, presieduta sabato da mons. Valerio Lazzeri, Vescovo di Lugano, è stata l’inizio di questo nuovo capitolo, che vede il Monastero staccarsi dalla comunità fiorentina di Rosano, da cui dipendeva dal 1971, e riprendere il cammino indipendente.

Numerosi i partecipanti alla cerimonia, che hanno voluto dimostrare con la loro presenza la vicinanza in questo giorno speciale alla Madre Maria Sofia Cichetti, a cui ieri sono state consegnate le quattro insegne abbaziali: la croce pettorale, la Regola di San Benedetto, l’anello e il pastorale.

Mons. Lazzeri ha voluto ricordare nella sua omelia che la nuova Abbadessa ha ricevuto questo titolo “non perché semplicemente a Lei deve essere dato più potere o al Monastero di Claro più importanza e visibilità esterne, bensì per curare e rendere ancora più esplicita questa radice evangelica della vita monastica e della vita cristiana: l’esperienza di quella singolare filialità suscitata dallo Spirito di Cristo nella Chiesa, la possibilità concreta di una fraternità tra esseri umani, dipendente unicamente dal dono di grazia e non dalle caratteristiche comuni naturali, che possono a volte anche esserci, ma perlopiù mancano quando ci troviamo a vivere insieme.”

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    Bellinzonese

    Fiamme nei boschi sopra Gnosca

    Anche se non vi è ancora una conferma a prendere fuoco potrebbe essere una delle cascine che si trovano sulle pendici della montagna - LE FOTO

  • 2
  • 3
  • 4
    BELLINZONA

    Sedetevi e riempite gli occhi di bellezza

    Viaggio fra le panchine del centro storico gettonatissime questa estate fra coloro che desiderano un po’ di refrigerio - «La Città a misura d’uomo la riscopro accanto alla Foca»

  • 5
    AIROLO

    «Quel lupo fa paura, qualcuno ci aiuti»

    Parla il gestore dell’alpe in Val Canaria teatro delle predazioni (salite ora a 34) da parte del temuto carnivoro: «È un animale problematico, nemmeno le reti e due cani pastori l’hanno fermato»

  • 1