Il Municipio di Faido: «Un gesto di sfiducia nei nostri confronti»

Comuni

L’Esecutivo chiede 1,55 milioni per l’acquisto della Casa San Vincenzo come richiesto da una mozione accolta dal Legislativo ma bacchetta la Commissione speciale: «Non siamo stati informati e ancora oggi non conosciamo i contenuti del progetto» - Intanto emerge una perizia: servirebbero altri 350.000 franchi per l’adattamento anti-incendio ed il cambio di destinazione

Il Municipio di Faido: «Un gesto di sfiducia nei nostri confronti»
Casa San Vincenzo.

Il Municipio di Faido: «Un gesto di sfiducia nei nostri confronti»

Casa San Vincenzo.

«Il Municipio ha rinunciato a partecipare a un Gruppo di lavoro sul tema in considerazione del fatto che, con un chiaro gesto di sfiducia nei suoi confronti, nella preparazione del rapporto la Commissione non ha ritenuto di doverlo informare su quanto si stava valutando». L’Esecutivo di Faido, nel chiedere al Legislativo un credito di 1,55 milioni di franchi, non le manda a dire sulla procedura che ha portato all’approvazione, lo scorso 26 ottobre contro il suo parere, della mozione firmata da 17 consiglieri comunali PPD-PLR che chiedeva al Municipio di attivarsi per acquistare la Casa San Vincenzo da destinare a usi pubblici (dopo che da tempo non viene più utilizzata come casa di riposo per le suore vincenziane). Nel messaggio firmato negli scorsi giorni l’Esecutivo sottolinea pure che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    5G tra le case a Biasca, ricorso al Consiglio di Stato

    Territorio

    Dopo 180 firme raccolte invano una società immobiliare e sette cittadini contestano la licenza edilizia rilasciata dal Municipio: «Perché permettere l’impianto proprio in zona residenziale?» - Swisscom ribadisce che il principio di precauzione è rispettato

  • 2

    «Basta costruire: spazio ad un grande giardino pubblico»

    IL CASO

    Da Parigi ecco un’idea provocatoria, ma mica poi tanto: realizzare un polmone verde nel comparto che verrà lasciato libero dalle Officine FFS di Bellinzona - A proporla è l’architetto mesolcinese Gabriel Bertossa, da oltre due decenni residente nella capitale francese

  • 3

    «Anche le politiche migratorie pesano sullo stallo demografico»

    L’intervista

    Per Bellinzona solo dieci abitanti in più a fine 2020: ma il sindaco Mario Branda non è preoccupato, invita a valutare il fenomeno sul lungo termine e mette sul tavolo altre chiavi di lettura - Effetto AlpTransit in ritardo? «Sapevamo che i cambiamenti non si sarebbero verificati dall’oggi al domani»

  • 4

    Quando il parco veicoli è sempre più elettrico

    AZIENDE

    L’Azienda multiservizi di Bellinzona si è dotata di otto nuovi veicoli che vanno ad aggiungersi ai cinque elettrici già in circolazione - L’obiettivo è ridurre il fabbisogno energetico globale

  • 5
  • 1
  • 1