Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

SOTTO I RIFLETTORI

Bellinzona, per il professor Mauro Baranzini lo sviluppo socioeconomico della Città passa necessariamente dal polo di biomedicina - «È l’occasione d’oro per far cambiare rotta alla capitale e per riagganciare il Ticino ai settori trainanti a livello svizzero»

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
Complessivamente IRB e IOR danno lavoro a 250 collaboratori. © CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

Complessivamente IRB e IOR danno lavoro a 250 collaboratori. © CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

© CdT/Gabriele Putzu

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
In primo piano Franco Cavalli e Gabriele Gendotti, rispettivamente presidente dello IOR e dell’IRB, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede avvenuta sabato scorso. © CdT/Chiara Zocchetti

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

In primo piano Franco Cavalli e Gabriele Gendotti, rispettivamente presidente dello IOR e dell’IRB, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede avvenuta sabato scorso. © CdT/Chiara Zocchetti

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
Gabriele Gendotti. © CdT/Chiara Zocchetti

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

Gabriele Gendotti. © CdT/Chiara Zocchetti

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»
Mauro Baranzini. © CdT/Archivio

Il ruggito della ricerca: «È la strada giusta»

Mauro Baranzini. © CdT/Archivio

«Meglio costruire centri di ricerca ed università che casermoni». Tenendo fede al suo secondo nome (Leo), il professore ed economista Mauro Baranzini chiude la nostra chiacchierata con un «ruggito». Chi scrive è stato suo allievo all’USI di Lugano. Dopo una lezione a parlare di Keynes e della Cambridge Theory si congedava con una frase ad effetto o con un concetto incisivo. Di modo che il messaggio rimanesse in testa agli studenti fino alla settimana seguente. Così ha fatto anche stavolta. Inflazione, spread o debito pubblico non c’entrano. L’argomento di discussione era il polo biomedico di Bellinzona. O, meglio, la sua importanza per lo sviluppo socioeconomico a medio-lungo termine. Perché la capitale aggregata vuole svestire dopo decenni l’abito cucito su misura di Città legata all’amministrazione...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Lo scout, e la fiducia cresce

    SEMINARIO

    Successo per il weekend di formazione proposto recentemente da Scoutismo Ticino a Bellinzona - È stata rinnovata la volontà di trovare un modo per affrontare le difficoltà anche nel mezzo della pandemia

  • 3
  • 4

    Bastoni tra le ruote della pista ciclabile

    Bellinzonese

    Sono state presentate alcune opposizioni al Cantone contro il progetto stradale e le espropriazioni necessarie per il tracciato tra Castione e Lumino che dovrebbe poi collegarsi con la Mesolcina - Tra chi contesta c’è anche l’Associazione AMICA

  • 5

    «Genitori indisciplinati: così non va»

    IL CASO

    Cadenazzo, il Municipio biasima il comportamento nei pressi delle scuole di automobilisti che ne combinano di tutti i colori - Intanto in febbraio partirà la «lotta» al traffico parassitario

  • 1
  • 1