Il ticinese DOC che conquista gli States

libro

Esce sabato 14 novembre «Olimpio», lo scanzonato libro del giornalista del CdT Alan Del Don, scritto con Federico Casellini e Pierluca Ferracin: «In questo tribolato 2020 ci dev’essere spazio anche per un sorriso»

Il ticinese DOC che conquista gli States

Il ticinese DOC che conquista gli States

Da Paudo a New York. Dalla stalla in Valle Morobbia, dove è nato, alle stelle (e strisce) del firmamento della cucina internazionale. «Olimpio» è il protagonista del libro (Sgaffy Editori) scritto dal giornalista del Corriere del Ticino Alan Del Don, insieme a Federico Casellini e Pierluca Ferracin. Il libro esce sabato 14 novembre.

Fin dalla tenera età trascorre più tempo al grotto del nonno Orfeo che a casa. Mentre la mamma Diletta lavora come cameriera lui impara man mano i trucchi del mestiere. A 4 anni griglia il primo cervelat, tre anni più tardi è la volta delle costine, per le quali nutre una passione smisurata. Il destino, per lui, è segnato: una vita dietro i fornelli. Anche perché a scuola non se la cava per nulla bene, l’apprendistato da selvicoltore (anzi: da boschiröö) è un mezzo disastro, in amore arriva una delusione dietro l’altra. Va un po’ meglio nello sport: dopo aver tentato con varie discipline sembra aver trovato finalmente nel calcio la sua valvola di sfogo, spronato dall’exploit della Nazionale svizzera ai mondiali americani del 1994, ma è solo una chimera. Ecco dunque che non gli resta che la gastronomia. Ha talento, e ne è perfettamente cosciente. Certo, i suoi piatti sono assai strampalati e spesso improbabili. Non è uno da nouvelle cuisine, l’Olimpio, o da Tripadvisor. Ma dà l’anima per eccellere, si applica. Ci mette il cuore.

Così dopo la scuola reclute ad Andermatt ed aver preso atto a malincuore che l’amato nonno è scappato in Brasile con il biglietto di sola andata, parte a sua volta per un viaggio della Svizzera in 80 giorni in motorino, il “mozz” come lo chiama lui. Olimpio vuole scoprire le delizie e le ricette tipiche degli altri cantoni. L’obiettivo è quello di arricchire il curriculum per essere pronto a subentrare al nonno Orfeo nella gestione del grotto. Impara la raffinata arte degli spätzli glaronesi (e viene pure inseguito dai solerti agenti della Kantonspolizei), dei pop-corn del Kinderzoo del circo Knie a Rapperswil-Jona, del Rakete (sì, il gelato più amato dagli svizzeri e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel) e del formaggio e del cioccolato della

Gruyères. A Sachseln, nel centro esatto della Confederazione, si mette persino a produrre il “Betullino”. Al Kulm Hotel di Sankt Moritz il Felix Brüttisellen, prossimo alla pensione, gli dispensa invece utili consigli su come ci si deve comportare con gli ospiti. Olimpio è diligente, tranne quando si fionda nel letto di Rihanna (sì, proprio lei) con solo il grembiule (rigorosamente da cucina) addosso. Scopre addirittura la ricetta segreta della salsa del pollo al cestello di Attinghausen e dopo aver fatto un po’ di gavetta durante i carnevali ticinesi è finalmente pronto per la prima stagione al grotto. È un successo. C’è la coda come in estate al San Gottardo. Tutto va a meraviglia. Anche negli affetti, dato che Olimpio si sposa con Fiona.

Ed è proprio durante il viaggio di nozze che scrive una pagina di storia: vince una gara culinaria in California convincendo nientemeno che un certo Joe Bastianich. La Svizzera pende dalle sue labbra. E come se non bastasse per Olimpio si apre la prospettiva di ampliare l’attività negli States. Ma la lontananza da casa pesa, eccome.

«Attraverso il personaggio di fantasia di Olimpio vogliamo descrivere il ticinese DOC, vero, genuino, fra mille pregi ed altrettanti difetti. Nessuno crede veramente in lui, ma nonostante ciò riesce ad emergere. Questo deve fungere da stimolo, nella vita reale, per coloro che hanno paura ad osare, che temono di sbagliare. Non abbiate paura, lanciatevi», sottolineano i tre autori. Ma il libro, aggiungono, mira altresì ad essere un’occasione «per sorridere in questo malaugurato 2020. La pandemia ha stravolto le nostre vite. Ci ha fatto piangere. Speriamo davvero, con ‘Olimpio’, di riuscire a strappare un sorriso ai lettori e a far pensare ad altro anche solo per un attimo. Ne abbiamo tutti bisogno».

Il libro può essere ordinato sul sito www.sgaffy.com. È in vendita a 25 franchi. Vi arriverà direttamente a casa. Lo troverete anche in alcune librerie ticinesi o, coronavirus permettendo, in qualche bancarella nei mercati natalizi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Sarà referendum sui sorpassi di spesa?

    il caso

    Bellinzona, la Lega dei ticinesi non esclude la raccolta firme qualora il Legislativo approvasse i crediti suppletori per la nota vicenda - L'anticipazione oggi sul "Mattino della domenica"

  • 3
  • 4

    Il Municipio di Faido: «Un gesto di sfiducia nei nostri confronti»

    Comuni

    L’Esecutivo chiede 1,55 milioni per l’acquisto della Casa San Vincenzo come richiesto da una mozione accolta dal Legislativo ma bacchetta la Commissione speciale: «Non siamo stati informati e ancora oggi non conosciamo i contenuti del progetto» - Intanto emerge una perizia: servirebbero altri 350.000 franchi per l’adattamento anti-incendio ed il cambio di destinazione

  • 5

    Bicentenario di Arbedo-Castione, festa rinviata al 2022

    Bellinzonese

    Posticipate la scorsa primavera a causa della pandemia, le celebrazioni per la fusione del 1820 non si terranno nemmeno l’anno prossimo bensì in occasione del 600.esimo della sanguinosa Battaglia che vide confrontarsi le truppe milanesi e quelle confederate

  • 1
  • 1