Il Tiro storico è davvero... storico: vince una donna

TRADIZIONE

Valeria Morandi dell’Unione Tiratori di Locarno trionfa nell’appuntamento del San Gottardo - Grazie ai colpi centrali ha battuto Gabriele Tela de La Mendrisiense al fucile 300m - Maurizio Gianella si aggiudica invece il trofeo nella pistola 25m

Il Tiro storico è davvero... storico: vince una donna
Da sinistra Gobbi, Morandi e Gianella.

Il Tiro storico è davvero... storico: vince una donna

Da sinistra Gobbi, Morandi e Gianella.

La tredicesima edizione del Tiro storico del San Gottardo, presieduto dal consigliere di Stato Norman Gobbi, ha raccolto un buon successo, grazie alle misure mese in atto, accogliendo 556 tiratrici e tiratori negli scorsi giorni ad Airolo. Per la prima volta una donna si è aggiudicata il titolo di regina del tiro al fucile 300m: Valeria Morandi, dell’Unione Tiratori di Locarno, ha centrato il punteggio massimo e grazie ai colpi centrali ha battuto Gabriele Tela de La Mendrisiense che ha pure fatto 75 punti.

Nessuna storia alla pistola 25m dove Maurizio Gianella - dell’Unione Tiratori del Gottardo di Airolo - con 143 punti ha dominato, conquistando il titolo di re del tiro. Ai ticinesi la quasi totalità dei premi individuali. Nel concorso di sezione, tra le società ticinesi ha vinto La Mendrisiense con 572 punti; secondo rango alla Civici Carabinieri di Lugano con 565 punti, seguita dall’Unione Tiratori di Locarno con 560 punti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Opere anti-alluvionali a Giubiasco: «Tutto in regola»

    Bellinzona

    Il capodicastero Henrik Bang risponde all’MPS in merito ai danni causati dal nubifragio il 7 agosto scorso che hanno coinvolto anche la scuola dell’infanzia: «Il progetto dell’ex Comune è stato realizzato correttamente e le premunizioni erano funzionanti»

  • 3

    Sostegno confermato al teatro Sociale

    Bellinzona

    A larga maggioranza il Consiglio comunale ha approvato il mandato di prestazione per la stagione 2021/2022 - Si chiede però di attivarsi maggiormente nell’informazione, nella ricerca di fondi privati e nella programmazione

  • 4
  • 5

    Il lupo è tornato: uccise sei capre

    IL CASO

    Il predatore ha colpito sull’Alpe di Sfille a Campo Vallemaggia, a 1.670 metri di altitudine - È il settimo attacco del 2021: l’ultimo risaliva alla metà di agosto, quando in due distinti «raid» aveva sbranato nove pecore sugli alpi di Blenio e Bedretto

  • 1
  • 1