In quarantena una classe delle Medie di Cadenazzo

pandemia

Due allievi della stessa sezione sono risultati positivi ed è scattato la misura per tutti i compagni, che proseguiranno le lezioni a distanza

In quarantena una classe delle Medie di Cadenazzo
© CdT/Gabriele Putzu

In quarantena una classe delle Medie di Cadenazzo

© CdT/Gabriele Putzu

In seguito alla positività di due allievi della stessa classe della scuola media di Cadenazzo, è stata stabilita una quarantena di classe. Lo comunicano DECS e DSS in una nota.

Fino al termine della quarantena, le lezioni per gli allievi direttamente coinvolti non sono sospese, ma proseguono temporaneamente a distanza come previsto dalle indicazioni relative alle scuole medie del protocollo di quarantena di classe predisposto dal DECS. La direzione dell’istituto ha già informato i diretti interessati.

Per gli altri allievi dell’istituto, non toccati dalla quarantena, l’attività scolastica continua normalmente in presenza.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Ritorno al futuro per i castelli: la storia incontra la tecnologia

    RICORRENZA UNESCO

    Il sindaco di Bellinzona Mario Branda svela alcuni dei contenuti del progetto di valorizzazione della fortezza medievale - Verrà meglio messa in risalto la murata, parchi gioco tematici per i bambini, allestimenti moderni: «Abbiamo un patrimonio unico nel suo genere in tutto l’arco alpino»

  • 2

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Il programma

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 3

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Territorio

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1