L’ambulanza ha un sogno: la nuova sede vicino al semisvincolo

PRONTO INTERVENTO

Il presidente della Croce Verde di Bellinzona Vincenzo Lacalamita si dice favorevole alla realizzazione della futura centrale nel comparto di via Tatti che dal 2025 accoglierà l’importante opera: «È la soluzione ideale, da soli o con gli altri enti»

L’ambulanza ha un sogno: la nuova sede vicino al semisvincolo
© Croce Verde Bellinzona

L’ambulanza ha un sogno: la nuova sede vicino al semisvincolo

© Croce Verde Bellinzona

L’ambulanza ha un sogno: la nuova sede vicino al semisvincolo
© CdT/Archivio

L’ambulanza ha un sogno: la nuova sede vicino al semisvincolo

© CdT/Archivio

«La soluzione in via Tatti, almeno per noi, sarebbe l’ideale per i prossimi 50 anni». Vincenzo Lacalamita è presidente della Croce Verde di Bellinzona da due decenni. Fra i dossier sulla sua scrivania troviamo, da un paio di lustri, anche quello della nuova sede in sostituzione dell’attuale ubicata in via Tommaso Rodari 6 che non ha mai convinto appieno in virtù della posizione ritenuta poco strategica, lontana dagli svincoli autostradali. Si sperava che potesse arrivare l’atteso regalo nel 2020, per il secolo di vita dell’ente. Invece è tutto rimandato a chissà quando, visto che come abbiamo riferito sabato il Municipio ha ricominciato a guardarsi in giro per individuare un terreno dove ubicare la «cittadella dei servizi», ossia il centro di pronto intervento sotto il cui tetto dovrebbero...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1