L’idea: passare al maggioritario e (forse) ad elezioni anticipate

MESOLCINA

Roveredo: il Legislativo giovedì tornerà a chinarsi sulla modifica dello statuto e della legge sui diritti politici - Si cambia sistema per il Municipio, ma non per il Consiglio comunale che rimane con il proporzionale - Alle urne i cittadini dovranno esprimersi anche sul termine anticipato della corrente legislatura che si concluderebbe a fine anno

L’idea: passare al maggioritario e (forse) ad elezioni anticipate

L’idea: passare al maggioritario e (forse) ad elezioni anticipate

L’idea: passare al maggioritario e (forse) ad elezioni anticipate

L’idea: passare al maggioritario e (forse) ad elezioni anticipate

Dal sistema proporzionale al maggioritario per l’elezione del Municipio. È questa la principale novità della revisione totale dello Statuto e della legge sui diritti politici del Comune di Roveredo. Le modifiche passeranno al vaglio del Legislativo nella seduta in programma giovedì 6 maggio. In seguito saranno i cittadini a doversi esprimere e, infine, il Consiglio di Stato retico. Le nuove disposizioni entreranno in vigore il 1. gennaio 2022. Ciò vuol dire che le prossime elezioni si terranno con la regolamentazione adeguata. Anche se non è detto che i cittadini del capoluogo mesolcinese siano chiamati alle urne prima del termine della corrente e tribolata legislatura (tanto che Coira ha dovuto mandare il commissario governativo Claudio Lardi, ex ministro), come vedremo in seguito.

Le principali...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1