La carica dei 100 diciottenni

Cerimonia

I neocittadini di Bellinzona accolti a Palazzo civico e poi in festa in piazza del Sole - Il sindaco: «Lottate per democrazia, pace e libertà»

La carica dei 100 diciottenni

La carica dei 100 diciottenni

Un centinaio di diciottenni residenti nel Comune di Bellinzona ha invaso questa sera Palazzo civico nella consueta cerimonia organizzata dalla Commissione giovani per celebrare il raggiungimento della maggiore età. «Nuovi diritti e responsabilità vi attendono» ha affermato rivolgendosi ai neocittadini il sindaco Mario Branda. Il quale li ha inoltre invitati a lottare per salvare quei valori che oggi diamo per scontati ma che non sempre lo sono stati, anche dalle nostre parti: «La democrazia, la libertà e la pace». L’incontro introdotto dal presentatore della RSI Christian Romelli ha avuto quale ospite Deborah Scanzio, ex sciatrice freestyle che ha partecipato anche alle Olimpiadi e ha portato ai giovani la propria testimonianza. Ha preso la parola pure il capo del Dicastero servizi sociali Giorgio Soldini. La festa continua nel capannone di piazza del Sole, cuore natalizio della Turrita, con l’aperitivo e il concerto dei ticinesi Make Plain.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
  • 3

    Chiuse due inchieste per traffico e spaccio di droga

    bellinzonese e tre valli

    L'attività operativa e investigativa della Polizia cantonale, in particolare del Servizio antidroga con a supporto alcune Polizie comunali, ha visto nei giorni scorsi chiudere due importanti dossier su un giro di cocaina ed eroina

  • 4

    Non tutte le liste saranno fotocopie a Bellinzona

    Politica

    Rispetto alle elezioni annullate causa virus cinque mesi fa, ad aprile 2021 in casa PLR non solo uno ma probabilmente due cambiamenti nel settebello per il Municipio - Sorprese potrebbero esserci anche per Lega e PPD - Continuità per Unità di Sinistra, Verdi ed MPS

  • 5

    Il lupo è affamato: sbranate 16 pecore

    VALLE DI BLENIO

    Il predatore ha colpito ad Aquila in quattro distinti attacchi, come confermato dalle analisi del laboratorio di Losanna - Gli ovini non erano protetti - Era da un anno che non si registrava un numero così alto di capi uccisi

  • 1
  • 1