La Intervalves esce dal limbo, riparte la produzione

Biasca

Nel mezzo della pandemia l’azienda non aveva potuto beneficiare dell’orario ridotto per motivi giuridici, avendo annunciato la chiusura per fine giugno - Con il via libera dello Stato maggiore, da domani si ricomincia a lavorare con tutte le precauzioni del caso

La Intervalves esce dal limbo, riparte la produzione
©CdT/Archivio

La Intervalves esce dal limbo, riparte la produzione

©CdT/Archivio

Buone notizie per la Intervalves Technologies AG di Biasca. Da domani, lunedì, la ditta di Biasca già in difficoltà da tempo e che aveva annunciato la fine dell’attività per giugno potrà riprendere la produzione. Lo conferma al CdT il direttore Matteo Robitschek. «Lo Stato maggiore ci ha appena autorizzato a riprendere la produzione da domani, fatta salva l’attenzione estrema alle norme di igiene accresciuta e distanza sociale, che però siamo in grado di rispettare», dichiara. «Questa decisione ci tira fuori dai guai ed è un sollievo per tutti, soprattutto gli operai», aggiunge.

L’azienda specializzata nella produzione di valvole per motori si trovava nel limbo. Come avevamo riferito giovedì, infatti, come tante altre anche questa attività aveva dovuto fermarsi a causa dello stop governativo alla produzione, ma il personale non poteva nemmeno beneficiare del lavoro ridotto. Questo perché, prima dell’inizio della pandemia, la società aveva annunciato la cessazione definitiva dell’attività per fine giugno a causa della mancanza di liquidità.

Sino a quel momento però, aveva assicurato lo stesso direttore, il lavoro era garantito. «Anzi - aveva aggiunto - grazie ad una serie di nuove commesse stavamo valutando l’ipotesi di proseguire ancora fino a fine luglio». Nel frattempo, però, era sopraggiunta la pandemia e il blocco delle attività produttive ha toccato anche lo stabilimento biaschese. Così, per garantire lo stipendio ai 25 collaboratori la Intervalves aveva inoltrato la formale richiesta per lavoro ridotto, ricevendo però giovedì scorso un responso negativo. Ora la situazione si è sbloccata: la produzione, con tutte le precauzioni contro il contagio, riparte.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Opere pubbliche bellinzonesi, in CC c’è chi frena

    Legislativo

    L’MPS e i due fuoriusciti leghisti vogliono vederci chiaro sulla questione dei sorpassi di spesa prima di accogliere ulteriori crediti - La maggioranza ha comunque approvato gli investimenti al Bagno pubblico e per l’ammodernamento della sala del Legislativo - Si prosegue domani sera con altri importanti dossier

  • 2

    Uniti nel dolore, per uscirne più forti

    BELLINZONA

    Via libera del Consiglio comunale, in seduta extra muros a Sementina, alla costituzione del fondo da un milione di franchi per sostenere le attività economiche colpite dal coronavirus - Il capodicastero Finanze e economia Mauro Minotti: «Non pensiamo solo ai commerci»

  • 3

    Bellinzona, un Consiglio comunale a distanza di sicurezza

    Seduta

    Il Legislativo è riunito eccezionalmente alla palestra di Sementina dove gli ampi spazi permettono l’applicazione delle misure anti contagio - Banchi singoli ad almeno due metri, disinfettante per le mani a disposizione così come le mascherine indossate da soli due membri - Bocciata la proposta di dibattere il tema delle numerose vittime in casa anziani - LE FOTO

  • 4

    Condannati a tre anni per la truffa risarcita

    Processo

    Pene parzialmente sospese per l’amministratore e il titolare di una ditta di commercio di rottami del Bellinzonese - Avevano spillato oltre 3 milioni di franchi a una ditta di riscossione crediti tramite doppia fatturazione

  • 5
  • 1
  • 1