La musica entra in un Labirint

CASTIONE

Novità in arrivo all’ex discoteca La Fabrique, vicino alla stazione FFS: il party di apertura è previsto sabato 14 settembre - Il club si pone l’obiettivo di sorprendere il pubblico

La musica entra in un Labirint
(Foto Archivio CdT)

La musica entra in un Labirint

(Foto Archivio CdT)

La musica entra in un Labirint

La musica entra in un Labirint

CASTIONE - Da Fabrique a Labirint club. Nuovo nome ma stesso obiettivo: far ballare e divertire il popolo della notte. Lavori in corso alla discoteca di Castione, a due passi dalla stazione ferroviaria, che da sabato 14 settembre (quando in programma ci sarà l’«Opening party») si presenterà sotto una veste completamente rinnovata. Il colore arancio è sparito per far spazio al bianco e nero. Un aperitivo lo si è avuto sabato scorso quando, sul piazzale dell’ampio complesso industriale, è andato in scena l’Holi dance festival, una festa di musica e colori come nell’antica tradizione indiana. La Fabrique è un ritrovo molto frequentato dai giovani del Bellinzonese ma non solo. Inaugurata nel 2006, la discoteca è nata sulle ceneri del Garage Music ed occupa gli spazi di un vecchio edificio del quale sono state conservate le strutture portanti. Si presenta così con una particolare combinazione fra passato e futuro come va molto di moda nei club europei. Vengono offerti al pubblico tutti i generi musicali con la presenza di deejay. Il Labirint club non stravolgerà questa impostazione, aggiungendo per contro delle novità che sorprenderanno il pubblico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Quella naturalizzazione che fa discutere

    IL CASO

    Il Legislativo di Giornico dovrà chinarsi nuovamente sulla domanda presentata da una donna - Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di quest’ultima contro la prima decisione negativa del plenum del Comune bassoleventinese

  • 2
  • 3

    La Posta tra panetteria e Denner

    Servizio pubblico

    Individuati i partner che prenderanno in gestione le agenzie di Cadenazzo e Lumino dopo la chiusura dei due uffici: per il primo Comune si procede già entro fine anno, per il secondo verosimilmente all’inizio del 2020

  • 4

    «Le scuse della SUVA non ci bastano»

    IL CASO AMIANTO

    Primo incontro fra i rappresentanti degli operai delle Officine FFS di Bellinzona e i vertici dell’assicurazione infortuni - I sindacati esigono le liste aggiornate dei collaboratori a rischio e del materiale che potrebbe ancora contenere la pericolosa sostanza

  • 5

    Amianto, le FFS rassicurano i collaboratori

    Officine

    Le Ferrovie federali tornano sui rischi corsi dal personale bellinzonese di cui si è nuovamente parlato negli ultimi tempi: «La problematica è nota e la sicurezza ha la priorità»

  • 1
  • 1