La passeggiata enogastronomica diventa ecosostenibile

VALLE BEDRETTO

Oltre ai prodotti a chilometro zero in occasione della nona edizione della Mangia e cammina sugli alpi in programma l’11 agosto si farà uso di materiale biodegradabile

La passeggiata enogastronomica diventa ecosostenibile
Da leccarsi i baffi. (Foto Maffi)

La passeggiata enogastronomica diventa ecosostenibile

Da leccarsi i baffi. (Foto Maffi)

La passeggiata enogastronomica diventa ecosostenibile
Autorità ed organizzatori. (Eticinforma.ch/Bosia)

La passeggiata enogastronomica diventa ecosostenibile

Autorità ed organizzatori. (Eticinforma.ch/Bosia)

BEDRETTO - Mangiare e camminare, un binomio perfetto come lo definisce Fabrizio Barudoni, vicedirettore dell’Organizzazione turistica regionale bellinzonese e alto Ticino (OTR). Oggi è stata presentata la nona edizione di Mangia e cammina sugli alpi che si terrà l’11 agosto in Valle Bedretto. Un evento unico nel suo genere, che riscuote sempre più successo, perché fa scoprire al pubblico la splendida valle dell’alta Leventina assieme a una varietà di squisiti cibi locali.

Ogni anno Pro Bedretto, l’associazione che si impegna a organizzare la manifestazione, propone una serie di attività per tutte le età, con sempre delle novità. Quest’anno verrà usato materiale biodegradabile, aderendo all’iniziativa del cantone “Territorio e montagne pulite”. Un cambiamento indispensabile a seguito dell’aumento delle persone che frequentano la montagna, come ha spiegato il presidente della Mangia e cammina Fabio Grazioli. Per di più, cambia il tragitto del percorso previsto nel corso della giornata, con l’introduzione della fermata all’alpe Manegorio. Un cambiamento che ha richiesto anche la creazione di un nuovo sentiero per rendere la tratta più facile e accessibile a tutti. Una terza innovazione di quest’anno è l’area giochi per i bambini, “U c’anton di cràpasc”, alla postazione finale a Ronco. Infine, torna il concorso fotografico, sempre al passo con i tempi, a tema “selfie”.

Un evento imperdibile sopra i 1.400 metri di altitudine. A ogni postazione si possono trovare diversi prodotti a chilometro zero: dai formaggi e alla salumeria passando per i digestivi e i pasticcini. Tra questi si potrà trovare anche il miele del sindaco di Bedretto Ignazio Leonardi. Per godersi i prodotti anche a casa, saranno quasi tutti in vendita alla postazione finale dove verrà offerto il pranzo. Inoltre, saranno allestite anche delle esposizioni culturali, sempre richiamando temi legati al territorio. Infine, non mancherà l’intrattenimento musicale garantito dai Sanook, come da tradizione, e da altri gruppi della regione.

Il presidente della Pro Bedretto, Patrizio Farei, ha infine accennato alle novità previste nel 2020 dall’associazione, promotrice della manifestazione, tra cui anche la decima edizione della Mangia e cammina sugli alpi. Lo svolgimento dell’evento è frutto del duro lavoro dei vari membri del comitato organizzativo come anche degli oltre 200 volontari che si mettono a disposizione per garantire una giornata all’insegna della natura e della convivialità. Le iscrizioni all’evento apriranno il 12 giugno alle 9, sul sito www.mangiaecamminasuglialpi.ch, fino a esaurimento dei 1.200 posti disponibili.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Sotto l’albero non c’è lo spirito natalizio

    IL CASO

    Clima decisamente poco idilliaco a Giornico fra il Municipio ed il Consiglio comunale dopo l’ultima seduta del plenum e in vista della discussione sul preventivo - Il sindaco getta acqua sul fuoco: «Non c’è grande armonia, ma fa parte del gioco»

  • 2

    Quella gru che non piace alle Ferrovie

    TECNOLOGIE

    Castione: l’ex regia federale ha inoltrato opposizione, a titolo cautelativo, contro l’innovativo progetto di una torre per lo stoccaggio di energia - Le parti dovrebbero tuttavia trovare un accordo - «Si tratta infatti di un impianto solo temporaneo», osservano i promotori

  • 3

    Più comfort alle piscine dei bellinzonesi

    Progetto

    Il Municipio chiede 2,8 milioni di franchi per la quarta tappa del restauro generale del bagno pubblico - Oltre all’impiantistica, sistemazione di spogliatoi e docce, una toilette in zona lounge bar e zampilli d’acqua

  • 4
  • 5

    «Siamo in Ticino, non a Guantanamo»

    PROCESSO

    Alla sbarra due agenti della Polizia cantonale che nel 2017 al centro d’accoglienza di Camorino ammanettarono un richiedente l’asilo minorenne all’asta della doccia - L’accusa chiede la condanna a pena sospesa, mentre le difese auspicano il proscioglimento

  • 1
  • 1