Lasciarono morire la figlia, iniziato il processo

A giudizio a San Gallo due genitori che nel 2015 sono stati all'origine del decesso di una bambina di 23 mesi

Lasciarono morire la figlia, iniziato il processo

Lasciarono morire la figlia, iniziato il processo

SAN GALLO - È iniziato stamane a San Gallo il processo a carico di una coppia accusata di omicidio intenzionale per aver lasciato morire la figlia di 23 mesi. Il corpo della piccola era stato trovato dalla polizia nell'agosto del 2015 durante una perquisizione domiciliare. Il processo è incominciato con l'interrogatorio dei due imputati, una cittadina tedesca di 35 anni e uno svizzero di 55, sospettati di aver gravemente trascurato la figlia, tra l'altro a causa del loro consumo di droghe pesanti.

Stando al Ministero pubblico i due non avrebbero nutrito a sufficienza la bambina, non le avrebbero prodigato le cure necessarie e l'avrebbero lasciata sola in casa per ore senza alcuna sorveglianza, ciò che avrebbe condotto la piccola alla morte. L'accusa ha chiesto per la madre dieci anni e mezzo di carcere e per il padre 8 anni, in entrambi i casi senza la condizionale, ipotizzando i reati di omicidio intenzionale, violazione del dovere d'assistenza e ripetuta infrazione alla legge federale sugli stupefacenti.

Il cadavere della bambina venne rinvenuto rinchiuso in una valigia nella cantina di una casa della località sangallese di Staad, domicilio della coppia, dopo una denuncia dell'Autorità di protezione dei minori, chiamata ad occuparsi della famiglia. Secondo il pubblico ministero, la piccola morì il 3 luglio del 2015: quel giorno i genitori la lasciarono da sola in mansarda per diverso tempo, nonostante la temperatura esterna fosse di 33 gradi. Andando per eliminazione, secondo l'accusa, si deve presumere che sia morta di sete, di fame o semplicemente perché dimenticata.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    PROGETTO

    Ad essere curata sarà la cultura

    Bellinzona vuole rilevare dalla Confederazione l’ex ospedale di Ravecchia per 4,63 milioni di franchi - Oltre ad uffici amministrativi e sale conferenze ci sarà forse spazio per residenze per giovani artisti e per un centro di ricerca medico-scientifica

  • 2
  • 3
    IL CASO

    Da orfana a prostituta, poi la ricerca dell’amore

    A processo la donna che avrebbe dovuto sposare il richiedente l’asilo pachistano, vittima della sparatoria avvenuta a fine dicembre 2017 a Giornico - «Lei credeva davvero di formare una famiglia con lui»

  • 4
  • 5
  • 1