Mortale sui binari ad Airolo: c’erano lacune di comunicazione

sinistro

Il SISI ha evidenziato fattori umani e lacune nella comunicazione alla base dell’incidente fatale del febbraio 2019 - Le FFS rafforzano la formazione sulla sicurezza

Mortale sui binari ad Airolo: c’erano lacune di comunicazione
©Rescue Media

Mortale sui binari ad Airolo: c’erano lacune di comunicazione

©Rescue Media

Il 5 febbraio 2019 ad Airolo si è verificato un incidente mortale sul lavoro. Secondo il Servizio svizzero d’inchiesta sulla sicurezza (SISI), all’incidente hanno contribuito fattori umani e lacune nella comunicazione. Le FFS stanno quindi migliorando la formazione sulla sicurezza.

Il 5 febbraio 2019, poco prima delle 9, una draisina motorizzata veniva tamponata da un treno regionale partito dalla stazione di Airolo e diretto a Erstfeld. Un collaboratore di Securitrans perse la vita e un secondo collaboratore delle FFS riportò ferite gravi. Il Servizio svizzero d’inchiesta sulla sicurezza (SISI) ha ora pubblicato il suo rapporto finale.

Lacune nella comunicazione e fattori umani

Secondo il SISI, la zona dei binari in cui i guardiatratta avevano posizionato sul binario la draisina non era sbarrata al traffico ferroviario ed era dunque aperta all’esercizio regolare. I collaboratori erano però convinti che il binario fosse sbarrato. La causa è un errore umano nel processo di sbarramento e nella comunicazione tra le persone coinvolte. All’incidente hanno contribuito anche imprecisioni nel dispositivo di sicurezza.

Migliorata la formazione sulla sicurezza e introdotti controlli della qualità supplementari per lo sbarramento di binari

Le FFS faranno confluire le conclusioni tratte dall’incidente nell’attuale revisione della formazione per dirigenti responsabili della sicurezza. In particolare, sarà necessario migliorare la rilevanza pratica, affinché si possa tenere meglio conto delle situazioni di partenza in loco e ottimizzare i piani di sicurezza delle aree dei lavori. Le FFS perseguono così l’obiettivo di migliorare costantemente la sicurezza. A tale scopo, le conversazioni dei collaboratori che contribuiscono alla gestione del traffico vengono analizzate su un campione casuale per valutare se la comunicazione soddisfa i requisiti della formazione. L’obiettivo è di individuare tendenze e modelli nella comunicazione tra area dei lavori e capimovimento che hanno un impatto positivo o negativo sulla sicurezza.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Ritorno al futuro per i castelli: la storia incontra la tecnologia

    RICORRENZA UNESCO

    Il sindaco di Bellinzona Mario Branda svela alcuni dei contenuti del progetto di valorizzazione della fortezza medievale - Verrà meglio messa in risalto la murata, parchi gioco tematici per i bambini, allestimenti moderni: «Abbiamo un patrimonio unico nel suo genere in tutto l’arco alpino»

  • 2

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Il programma

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 3

    «Bellinzona, in sé, è già un’idea forte»

    Territorio

    Il paesaggista Andreas Kipar, che ha accompagnato il Municipio cittadino nella stesura del Programma d’azione comunale, risponde alle critiche degli architetti del Seminario di progettazione: «Bisogna pensare prima al corpo, poi all’anima e solo alla fine al vestito: la riflessione deve partire dalla campagna»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1