«Nel centro storico niente mescite esterne»

CARNEVALI

Bellinzona: il Municipio fa un po’ di chiarezza in merito a quello che succederà nel salotto buono in occasione del Rabadan light - Per quanto riguarda il dispositivo di sicurezza se ne saprà di più in gennaio - Mauro Minotti: «La decisione di non concedere l’autorizzazione per i bagordi tradizionali è oggi ancora più giustificata dalla crescita dei contagi da coronavirus»

«Nel centro storico niente mescite esterne»

«Nel centro storico niente mescite esterne»

«Nel centro storico niente mescite esterne»

«Nel centro storico niente mescite esterne»

Una scelta saggia. Che lo è ancora di più alla luce del preoccupante peggioramento della situazione epidemiologica registrato nelle ultime settimane. Senza dimenticare, ora, la nuova variante Omicron che fa temere un’ulteriore crescita dei contagi da coronavirus in tutto il mondo. Il Municipio di Bellinzona, nella seduta di Consiglio comunale di ieri sera, è tornato sulla decisione di non concedere l’autorizzazione per lo svolgimento del carnevale Rabadan nella sua forma, per così dire, tradizionale. I bagordi 2022, come noto, si svolgeranno nella zona dell’Espocentro in versione ridotta senza cortei. Per bocca del capo Dicastero sicurezza e servizi industriali Mauro Minotti, l’Esecutivo ha risposto all’interpellanza inoltrata da Tiziano Zanetti (PLR) e cofirmatari.

Ebbene, rispetto a quanto noto finora il consesso ha precisato che «nel centro storico non vi sarà un carnevale organizzato, non vi saranno le tendine tradizionali del Rabadan o altre attività all’aperto. All’interno dei locali pubblici varranno le regole che saranno in vigore in quel momento. Stando alle attuali disposizioni gli avventori dovranno essere in possesso del certificato Covid e non potranno essere allestite mescite all’esterno. Così facendo si dovrebbero evitare assembramenti. Le forze dell’ordine vigileranno in ogni caso affinché ciò non avvenga». Nel villaggio del carnevale light il discorso sarà lo stesso: per accedere ai frizzi e lazzi bisognerà mostrare il Covid pass.

Mauro Minotti non si è invece ancora espresso sul dispositivo di sicurezza che verrà allestito in occasione dei sei giorni di carnevale. Se ne saprà di più dopo le feste natalizie «tenuto conto della situazione vigente e delle norme sanitarie in vigore a quel momento». Per il resto non resta che attendere quello che capiterà nelle prossime settimane. Difficile fare previsioni, anche se come detto all’inizio la situazione legata all’emergenza sanitaria non fa per nulla dormire sonni tranquilli: «In questo momento il Municipio è soprattutto preoccupato per i dati allarmanti relativi all’evoluzione dei contagi, dei malati e dei ricoverati e in generale della pandemia». Gli interpellanti, per bocca del primo firmatario Tiziano Zanetti, si sono detti moderatamente soddisfatti della risposta fornita dal Municipio, non escludendo l’inoltro di un altro atto parlamentare sul tema.

«Nel centro storico niente mescite esterne»
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Scontro frontale a Cadenazzo

    Ticino

    Due persone sono rimaste ferite in modo non grave - L’incidente è avvenuto sulla strada cantonale e ha coinvolto due veicoli entrambi immatricolati in Ticino - FOTO e VIDEO

  • 2

    Quattro milioni per l’asilo devastato: paga l’assicurazione

    Bellinzona

    Scuola dell’infanzia di Giubiasco messa KO dal fango il 7 agosto 2021: ecco il preventivo per sgombero, sede provvisoria e ripristino - Alla fine la spesa a carico della Città sarà di «soli» 300.000 franchi - Il ritorno a casa è previsto con l’inizio dell’anno scolastico 2022-2023

  • 3

    «Trasporti gratuiti per adolescenti e anziani»

    IL CASO

    Bellinzona, la proposta arriva dal giovane consigliere comunale PPD Pietro Ghisletta che ha inoltrato una mozione al Municipio - L’obiettivo è di introdurre la misura in determinate fasce orarie - Chiesto inoltre di allungare il tempo di validità del biglietto

  • 4

    Airolo in lutto per la perdita del vicesindaco Luca Ceresetti

    Leventina

    È deceduto nel giorno del suo 47.esimo compleanno a causa di una malattia aggravatasi di recente - Dopo una brillante carriera nell’ambito della sicurezza, da due anni come ufficiale della Polizia cantonale dirigeva il Centro di controllo del traffico pesante in costruzione a Giornico - I familiari: «Una vita al servizio della collettività»

  • 5

    Il tema dei rifiuti torna d’attualità

    SOTTO LA LENTE

    Bellinzona, il consigliere comunale PLR Fabio Briccola chiede lumi al Municipio in merito al calendario appena trasmesso a tutti i fuochi - Focus, in particolare, sullo smaltimento delle plastiche

  • 1
  • 1