ARBEDO-CASTIONE

«Non ho visto il Papa: sarà per la prossima volta»

Giuseppe «Pino» Majore, noto esercente del Bellinzonese, ha curato il catering in occasione della festa ticinese per il giuramento delle Guardie svizzere: «Un impegno ma anche, soprattutto, una grandissima emozione»

«Non ho visto il Papa: sarà per la prossima volta»
Il pontefice. (Foto Keystone)

«Non ho visto il Papa: sarà per la prossima volta»

Il pontefice. (Foto Keystone)

ARBEDO-CASTIONE/CITTÀ DEL VATICANO - Non ha avuto la fortuna di essere accolto in udienza dal Papa, ma l’onore di aver assicurato lo scorso 6 maggio il catering in occasione della «festa ticinese» in Vaticano è stato grandissimo. A tal punto che, a distanza di due mesi, gli brillano ancora gli occhi. Giuseppe «Pino» Majore di Arbedo, noto esercente del Bellinzonese (è alla testa del ristorante snack bar La Staffa di Castione), ha garantito l’approvvigionamento di cibo e bevande per autorità, parenti ed ospiti durante il giuramento delle 23 nuove Guardie svizzere. «C’erano 1.200 persone. L’impegno è stato enorme, in quanto bisognava seguire un rigoroso protocollo, ma altrettanto lo è stata l’emozione», ci ha confidato negli scorsi giorni. È mancata solo la stretta di mano al pontefice... «Un incontro era in programma nei giorni seguenti. Tuttavia ho dovuto fare rientro in Ticino per motivi di lavoro», chiosa il nostro interlocutore. Da notare che fra i tre ticinesi pronti a dare la vita per papa Francesco c’è un concittadino di «Pino», l’alabardiere Robi Curkovic.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
  • 3
    CASTIONE

    La musica entra in un Labirint

    Novità in arrivo all’ex discoteca La Fabrique, vicino alla stazione FFS: il party di apertura è previsto sabato 14 settembre - Il club si pone l’obiettivo di sorprendere il pubblico

  • 4
    Incendio

    Auto divorata dalle fiamme in un parcheggio

    Il veicolo, che si trovava in un piazzale a Giubiasco, è andato completamente distrutto nel rogo - La Scientifica al lavoro per stabilire le cause di quanto avvenuto - FOTO e VIDEO

  • 5
  • 1