Nove anni per tentato assassinio

Condannato il croato che ha sparato a un rifugiato pakistano ferendolo

Nove anni per tentato assassinio
Si presume che l'arma del delitto sia un revolver.

Nove anni per tentato assassinio

Si presume che l'arma del delitto sia un revolver.

Nove anni per tentato assassinio
Si presume che l'arma del delitto sia un revolver.

Nove anni per tentato assassinio

Si presume che l'arma del delitto sia un revolver.

GIORNICO-Nonostante fosse un processo indiziario dato che l'arma del delitto non è mai stata trovata e l'imputato si è fino all'ultimo proclamato innocente, ieri la Corte delle assise criminali di Riviera non ha creduto al croato di 67 anni sotto processo da due giorni, condannandolo a nove anni di prigione per il tentato assassinio di un rifugiato pakistano. Confermando anche le imputazioni minori, infrazione alla legge federale sulle armi e tentato inganno dell'autorità nell'ambito del matrimonio putativo, il giudice Amos Pagnamenta (giudici a latere Luca Zorzi e Renata Loss Campana supportati dagli assessori giurati) ha espulso il condannato per dieci anni. Espulsa sarà anche la vittima, la cui domanda di asilo non è stata accolta e che dovrà rispondere del tentativo di contrarre un matrimonio fittizio con l'amante dell'uomo che ha tentato di assassinarlo per poter restare in Svizzera. Il difensore avvocato Patrick Gianola ha comunque ottenuto una riduzione di pena rispetto ai dodici anni chiesti dal procuratore pubblico Chiara Borelli e ha dichiarato in aula (ma dopo il suono della campanella come gli ha fatto notare il presidente) che ricorrerà in appello contro la sentenza. L'accusatore privato, avvocato Alessia Minotti, ha ottenuto per il suo assistito il risarcimento del torto morale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    L’APPELLO

    Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»

    Alcuni cittadini di Arbedo-Castione hanno scritto al Municipio auspicando un «intervento deciso e urgente a protezione dei cittadini», considerando che il postribolo presente sul territorio comunale è frequentato anche da cittadini provenienti dal nord Italia

  • 2
    Lodrino

    La morte in pista, due versioni, tanto dolore

    Processo bis il 10 marzo per l’incidente che il 21 agosto 2014 costò la vita ad un giovane del Bellinzonese che era entrato all’aerodromo per provare la motocicletta - Centrò il furgone guidato dall’addetto alla sicurezza che deve rispondere di omicidio colposo

  • 3
    CARNEVALE

    La Bellinzona aggregata... ora anche colorata

    A distanza di ventiquattro ore dal corteo mascherato del Rabadan le polveri «sparate» dal satirico treno della Jungla sono ancora ben visibili - Come ad esempio sulla facciata della Casa Rossa, bene tutelato recentemente restaurato

  • 4
    IL CASO

    Alle elezioni prendi il sale, ma al Municipio non piace

    L’Esecutivo di Blenio vuole abolire la tradizione risalente agli anni 1850-1900 in quanto sempre meno persone si recano agli uffici per ritirare l’alimento: «È un’iniziativa anacronistica che non ha più motivo di esistere» - La parola passa ora al Legislativo

  • 5
    Valle Morobbia

    La polemica al centro del villaggio

    Il Tribunale amministrativo cantonale ha annullato la licenza edilizia per la posa di un ripetitore per la telefonia mobile in un vano del campanile della chiesa di Sant’Antonio in quanto bene protetto - La Swisscom si è appellata ai giudici di Losanna

  • 1