Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie

BELLINZONA

Nell’incontro di oggi a Lucerna si è discusso, fra l’altro, del futuro stabilimento che sorgerà a Castione: potrebbero aggiungersi ulteriori attività - E a questo proposito è salvo il centro di manutenzione di Biasca: resterà lì dov’è

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie
© CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie

© CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie
Il presidente della Commissione del personale Ivan Cozzaglio. © CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie

Il presidente della Commissione del personale Ivan Cozzaglio. © CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie
© CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie

© CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie
© CdT/Archivio

Nuove Officine, apertura da parte delle Ferrovie

© CdT/Archivio

«La vita è il treno, non la stazione ferroviaria», sostiene lo scrittore brasiliano Paulo Coelho. Le FFS, il Governo e la Città di Bellinzona ci aggiungono anche le nuove Officine che sorgeranno a Castione nel 2026 al posto di quelle aperte nella Turrita nel 1889, ormai vetuste: la manutenzione dei convogli viene prima di tutto, e per eseguirla al meglio occorre un impianto all’avanguardia che per fortuna rimarrà in Ticino. Ma non fatevi sentire dagli operai, per i quali la vita è anche e soprattutto il lavoro che svolgono con passione e dedizione e che vorrebbero continuare a fare fra qualche anno nel moderno stabilimento da 360 milioni di franchi. Del sito industriale che verrà si parla intensamente da quasi tre anni, da quando cioè l’11 dicembre 2017 fu firmata la dichiarazione d’intenti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    «Ecco, vi spiego perché il verde renderà unica la Città»

    IL FUTURO

    Nostra intervista al noto architetto milanese Franco Giorgetta, il quale per il quartiere che nascerà al posto delle Officine FFS di Bellinzona ha immaginato un ampio parco - «L’orticoltura urbana sui tetti servirà per l’approvvigionamento alimentare degli abitanti e non soltanto per lo svago ed il relax»

  • 2

    Coinvolgere i giovani per ripensare il carnevale

    Bellinzona

    Considerata anche la situazione sanitaria, Rabadan e progetto per la gioventù «The Social Truck» hanno avviato una collaborazione sperimentale per creare una rinnovata cultura dell’evento tramite varie iniziative con i ragazzi

  • 3
  • 4
  • 5

    Castelli di carta, ecco i vincitori

    Cultura

    La giuria ha premiato negli scorsi giorni nove adulti e quattro ragazzi che si sono distinti con i loro racconti al concorso letterario promosso dalla Biblioteca cantonale di Bellinzona

  • 1
  • 1