Officine, la Gestione pigia sul gas

La Commissione del Gran Consiglio intende firmare i due rapporti entro fine novembre sul credito per Castione e sull'iniziativa popolare

Officine, la Gestione pigia sul gas
L'area dello stabilimento attuale a Bellinzona.

Officine, la Gestione pigia sul gas

L'area dello stabilimento attuale a Bellinzona.

BELLINZONA - Accelerazione della Commissione della Gestione del Gran Consiglio sul sempre caldo tema delle Officine FFS di Bellinzona. Come appreso dal CdT, l'intenzione di principio è quella di firmare entro la fine di novembre i due rapporti in allestimento, quello sul credito da 100 milioni come sostegno alle FFS nel progetto per la nuova sede a Castione e quello dell'iniziativa popolare per la creazione di un polo tecnologico. I tempi, come noto, stringono, perché entro la metà del prossimo anno le FFS vogliono partire con la progettazione del futuro stabilimento da 360 milioni di franchi e circa 230 dipendenti nel Comune a nord della città. Essendo ormai presenti tutti gli elementi sul piatto, il rapporto più imminente è quello sull'iniziativa popolare «Giù le mani dalle Officine: per la creazione di un polo tecnologico-industriale nel settore del trasporto pubblico». Negli scorsi giorni il Consiglio di Stato ha trasmesso alla Gestione il testo rivisto sulla base delle considerazioni giuridiche effettuate su alcuni punti di quello originale. L'Esecutivo è pure intervenuto sulla procedura necessaria per mettere in pratica l'iniziativa stessa, essendo che l'originale «non si esprime in merito». Raccomandando di respingerla, il Consiglio di Stato ribadisce comunque di ritenere già parzialmente accolta l'iniziativa tramite l'ambizioso messaggio da 100 milioni per il trasloco a Castione e la riconversione urbanistica dell'area attuale delle Officine. L'altro capitolo aperto sul fronte è proprio il messaggio sul contributo cantonale. Anche in questo caso la Gestione è intenzionata a firmare il rapporto entro la fine del mese, o al più tardi, nelle prime settimane di dicembre. Difficile però dire se il tema verrà discusso dal plenum ancora quest'anno. Più probabile che arrivi sui banchi del Parlamento all'inizio del 2019. I commissari sono infatti tuttora in attesa delle risposte del Governo su alcuni aspetti puntuali, come avevamo scritto il 24 ottobre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1