BELLINZONA

Otto arresti e 50 denunce per traffico di droga

L’indagine ha permesso di stroncare un importante traffico di sostanze stupefacenti, di circa 10 chili di cocaina, in atto tra il 2017 e il 2019

Otto arresti e 50 denunce per traffico di droga
(Foto Zocchetti)

Otto arresti e 50 denunce per traffico di droga

(Foto Zocchetti)

BELLINZONA - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della Città di Bellinzona fanno sapere che nell’ambito di un’inchiesta antidroga sono state arrestate 8 persone mentre 50 sono state denunciate a piede libero alla Magistratura. Le accuse nei loro confronti riguardano reati in urto alla Legge federale sugli stupefacenti nonché infrazioni alla Legge federale sulle armi, alla Legge federale sulla circolazione stradale e alla Legge federale sugli stranieri. L’indagine ha permesso di stroncare un importante traffico di sostanze stupefacenti, in particolare di circa 10 chili di cocaina, messo in atto tra il 2017 e il 2019 nel Bellinzonese ma anche in altre regioni del Ticino e nel canton Grigioni. Per questo motivo alcune fasi dell’attività investigativa hanno richiesto la collaborazione della Polizia cantonale del canton Grigioni, della Polizia della Città di Locarno, della Polizia intercomunale del Piano e della Polizia intercomunale del Vedeggio. Complessivamente sono stati sequestrati circa 240 grammi di cocaina, 100 chili di hashish, 9 chili di marijuana, 280 piantine di cannabis e circa 200’000 franchi. Sono inoltre stati sequestrati diversi cellulari e alcune armi. L’inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Nicola Respini coadiuvato dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    BELLINZONA

    Eritrea morta: a processo dall’11 settembre

    Durerà tre giorni il dibattimento di fronte alla Corte delle Assise criminali a carico del 37.enne accusato di assassinio per aver spinto dal balcone la compagna il 3 luglio 2017 - Lui però respinge ogni addebito e sostiene la tesi del suicidio

  • 2
    PROCESSO

    Quel pugno e il movente misterioso

    Dibattimento bis di fronte alla Corte di appello per due fratelli condannati nell’aprile 2018 a pena sospesa per aver picchiato un trentenne in una discoteca del Bellinzonese - Gli imputati negano di aver sferrato un cazzotto alla vittima

  • 3
  • 4
    Cassa pensioni

    La Lega annuncia il referendum

    Il movimento di via Monte Boglia si schiera contro un eventuale aiuto statale all’Istituto di previdenza cantonale

  • 5
  • 1