Per il rilancio del Ritom c’è anche un ponte tibetano

Progetto

Investimento di oltre 9 milioni entro il 2025 nella regione di Piora: nella prima tappa l’intervento sulla funicolare, nella seconda il miglioramento dell’attrattiva turistica

Per il rilancio del Ritom c’è anche un ponte tibetano
Il ponte tibetano che ha avuto un grande successo tra Sementina e Monte Carasso. ©CdT/Archivio

Per il rilancio del Ritom c’è anche un ponte tibetano

Il ponte tibetano che ha avuto un grande successo tra Sementina e Monte Carasso. ©CdT/Archivio

Il rinnovo della funicolare, la costruzione di un ponte tibetano lungo 413 metri e a 160 metri di altezza sopra il riale Foss, una nuova segnaletica e un sito web, un infopoint per la regione Ritom-Piora. Per un investimento di 9,18 milioni di franchi entro il 2025. È quanto prevede la Funicolare Ritom SA per rilanciare la regione e favorire il pareggio dei conti. In un primo momento si tratta appunto di aumentare la capacità di trasporto dell’impianto che ha oramai cent’anni: il rinnovo costituisce la fase 1 del progetto e costerà 6,8 milioni. La seconda tappa sarà invece caratterizzata dal miglioramento dell’attrattiva turistica con interventi per 2,38 milioni. La SA attingerà a mezzi propri nella misura di 2,3 milioni, mentre altri 3 milioni circa saranno coperti da sussidi (in buona parte cantonali). Il Municipio di Quinto, azionista per il 54,7%, intende iniettare 150.000 franchi di capitale dando così un segnale importante agli altri partner: deciderà il Legislativo.

La funicolare più ripida del mondo in un’immagine d’archivio. ©CdT/Archivio
La funicolare più ripida del mondo in un’immagine d’archivio. ©CdT/Archivio
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1