Per la Calcaccia la strada ora è più in discesa

IDROELETTRICO

Airolo: il rinnovo della concessione della centrale sta per compiere un deciso passo avanti con l’adozione delle modifiche pianificatorie - L’iter è iniziato nel 2011 subito dopo il chiaro no del Gran Consiglio alla riversione a favore del Cantone - Intanto è stato trovato l’accordo fra l’azienda comunale e l’AET

Per la Calcaccia la strada ora è più in discesa
© Comune di Airolo

Per la Calcaccia la strada ora è più in discesa

© Comune di Airolo

Per la Calcaccia la strada ora è più in discesa
© CdT/Archivio

Per la Calcaccia la strada ora è più in discesa

© CdT/Archivio

Fra due anni, nel 2023, sarà trascorso un secolo da quando l’Azienda elettrica comunale di Airolo è diventata proprietaria dell’impianto idroelettrico della Calcaccia. E saranno altresì passati vent’anni dalla scadenza della concessione per lo sfruttamento delle acque. Un permesso che il borgo altoleventinese vuole rinnovare per altri quattro decenni. L’iter, iniziato nel 2011, è stato lungo e laborioso, e soprattutto non è ancora concluso. Un passo importante verrà compiuto lunedì prossimo, 12 aprile, quando il Legislativo si esprimerà su alcune modifiche delle varianti di Piano regolatore adottate due anni or sono e attualmente in fase di approvazione da parte del Consiglio di Stato. Il sì è scontato. E andrà a premiare gli sforzi profusi dal Municipio per scongiurare la riversione a favore...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1