Ponte tibetano, mascherina obbligatoria su funivia e navetta

Montagna

Misure igieniche preventive per chi utilizza questi mezzi che avvicinano alle attrazioni della sponda destra bellinzonese - L’ente autonomo Carasc introduce varie novità informative tra cui un’audioguida tramite app

Ponte tibetano, mascherina obbligatoria su funivia e navetta

Ponte tibetano, mascherina obbligatoria su funivia e navetta

Dopo i recenti allentamenti delle misure anti-coronavirus a livello federale, anche il progetto di valorizzazione della montagna di sponda destra bellinzonese può ripartire con la programmazione. È l’Ente autonomo Carasc diretto da Ivan Guidotti ad annunciare le novità che riguardano evidentemente anche il piatto forte dell’offerta, il Ponte tibetano tra le valli di Sementina e Monte Carasso. Ebbene, anche questo progetto a beneficio di residenti e turisti presta molta attenzione alla situazione sanitaria, e prevede l’obbligo di indossare la mascherina e i guanti sulla funivia e sul bus navetta.

Ponte tibetano, mascherina obbligatoria su funivia e navetta

Infopoint, funivia e navetta
Anzitutto, da lunedì 8 giugno l’infopoint al piano terreno dell’ex palazzo comunale di Monte Carasso sarà riaperto giornalmente al pubblico (orari su www.carasc.ch). All’infopoint è in funzione la biglietteria per la funivia e il bus navetta. I biglietti sono inoltre acquistabili alla stazione di partenza della teleferica e alla casa automatica fuori dagli orari d’apertura della biglietteria. Per coloro che non vogliono fare l’intero percorso a piedi, è possibile già da sabato 6 giugno accedere giornalmente al Ponte tibetano tramite la funivia per Mornera scendendo alla fermata di Curzutt. Sarà pure attivo da giovedì 11 giugno (con partenza/arrivo sempre all’ex palazzo comunale di Monte Carasso) un servizio bus navetta, inizialmente con corse dal venerdì alla domenica e in seguito quotidianamente. Al mattino, dal mese di luglio, oltre ai viaggi in salita verso San Defendente (versante di Sementina), con primo trasporto alle 9.45 verranno organizzate anche alcune corse al mattino verso il Pairolo (Monte Carasso). Lo stesso servizio viene riproposto anche in discesa nel pomeriggio, dalla piazza di giro del Pairolo (Monte Carasso). Per i gruppi organizzati è possibile prenotare corse speciali (informazioni all’infopoint negli orari di apertura o sul sito www.carasc.ch/bus navetta). Vista l’impossibilità di garantire la distanza fisica, e l’impossibilità di sanificare completamente cabine della teleferica ed il bus navetta gli utenti dovranno obbligatoriamente ad ogni viaggio munirsi di mascherina e guanti.

Programmare l’escursione
Si invitano i clienti della teleferica e dei bus navetta a prenotare online le corse; acquistando direttamente da casa il posto è possibile pianificare al meglio l’escursione evitando così lunghe attese. Per riservazioni online è necessario accedere al sito www.carasc.ch oppure www.mornera.ch. È possibile la combinazioni di andata e ritorno tra funivia e bus navetta. Chi non avesse prenotato il viaggio online è invitato a presentarsi all’infopoint dove sarà destinato al vettore di trasporto disponibile al momento.

Nuova segnaletica, audioguida e pannelli informativi
In vista della nuova stagione sono state adottate rinnovate misure per far fronte alla problematica del traffico veicolare sulla strada collinare di Sementina in direzione del Ponte tibetano. Dall’incrocio tra via alla Serta e via Mondò verso San Defendente e i Prati di Cima l’accesso è limitato al servizio a domicilio, permettendo quindi il transito soltanto a chi, titolare o ospite, deve raggiungere una proprietà in quota, ivi compreso l’Alpe Mognone, di proprietà del Patriziato di Sementina. Intanto l’ente autonomo si è dotato, seguendo quanto già introdotto dalla Città di Bellinzona, di un nuovo sistema di segnaletica turistico-culturale. Per meglio vivere l’esperienza è stata realizzata una app denominata smARTravel, con funzione di audioguida in ben quattro lingue (italiano, tedesco, francese e inglese). Saranno anche posati tre pannelli informativi di grande dimensione consultabili dai vari utenti della sponda destra e sistemati in alcuni punti strategici nel territorio di Monte Carasso e Sementina.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Red. Bellinzona
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Scuola a distanza, un «sore» su quattro poco sereno

    Educazione

    I risultati di un sondaggio effettuato tra i docenti del Liceo di Bellinzona durante il lockdown: esperienza tutto sommato positiva per la maggioranza, ma c’è chi non l’ha vissuta bene - Il 50% non accetterebbe di continuare con le stesse modalità in caso di altre crisi sanitarie, preoccupa la questione delle valutazioni - Tra gli aspetti positivi la buona collaborazione degli allievi

  • 2
  • 3

    Dalla Lingera un aiuto a chi non ha potuto festeggiare

    Carnevali

    L’assemblea di Roveredo approva un contributo di sostegno agli eventi annullati a causa della pandemia – Intanto si lavora all’edizione 2021, per la quale si intende coordinarsi con gli altri organizzatori

  • 4

    «Bellinzona, anche la sponda sinistra merita attenzione»

    Territorio

    Il gruppo PPD chiede al Municipio di replicare tra la cima di Medeglia e il pizzo di Claro, passando per la valle Morobbia, il successo nella valorizzazione della montagna di sponda destra col suo ponte tibetano - L’idea è quella di ispirarsi all’esperienza dell’Ente autonomo Carasc istituendo un ente analogo

  • 5

    Dalla sventata strage alla ricerca dell’amor proprio

    DOPO LA SENTENZA

    Il giovane condannato per quello che sarebbe stato un massacro oggi verrà riportato nel foyer romando - Tutti auspicano che possa tornare il ragazzo sorridente di prima - Il giudice Mauro Ermani: «Gli auguro di ritrovare la serenità»

  • 1
  • 1