Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom

Condivisione

Il riconoscimento 2020 della Fondazione Spitzer assegnato al progetto della Scuola moderna di musica della Turrita - In maggio eseguirà un concerto via Internet insieme agli studenti del villaggio israeliano

Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom
Una delegazione di docenti e alunni della scuola premiata immortalata nel Giardino dei Giusti di Lugano. ©Marco Gianinazzi

Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom

Una delegazione di docenti e alunni della scuola premiata immortalata nel Giardino dei Giusti di Lugano. ©Marco Gianinazzi

Il progetto «Condividere le diversità: un concerto in rete con Neve Shalom» è valso alla Scuola moderna di musica di Bellinzona il Premio Spitzer 2020. Sviluppata in collaborazione a distanza con gli allievi della scuola del villaggio di Wahat al-Salam-Neve Shalom («Oasi di pace») nello Stato di Israele, l’iniziativa consiste nella preparazione di un concerto che durante il mese di maggio verrà eseguito in simultanea tramite collegamento Internet dagli allievi delle due scuole.

Fondato da Bruno Hussar - ingegnere ebreo egiziano di origine italiana e convertito al cristianesimo - superando incredibili difficoltà e pregiudizi religiosi e politici - il villaggio Neve Shalom ha realizzato un’esperienza unica poiché è il solo abitato in cui ebrei e palestinesi (cristiani e musulmani) convivono educando comunitariamente i loro figli nelle lingue e nelle culture araba e ebraica, mantenendo in vita un Centro di educazione alla pace. Culturalmente avvincente (e estremamente moderno) è anche il tema della contaminazione fra generi e tradizioni musicali diverse che fa da filo conduttore del progetto.

L’itinerario di approfondimento è accompagnato da ricche schede didattiche e prevede un dialogo a distanza tra le due scuole. Nel suo insieme il progetto sviluppato dalla Scuola moderna di musica di Bellinzona in collaborazione con gli studenti israeliani «è di sicuro valore anche perché esprime una viva tensione morale e si avvale in modo intelligente delle possibilità offerte dagli attuali strumenti di comunicazione» si può leggere nella motivazione con la quale la Fondazione Federica Spitzer ha deciso di attribuirgli il riconoscimento. Fondazione che sostiene ogni anno progetti promossi da istituti scolastici ticinesi e del Grigioni italiano che rispondono ai suoi scopi. I progetti in particolare devono educare i giovani alla presa di coscienza di genocidi e/o persecuzioni valorizzando testimonianze di resistenza umana e l’impegno contro l’oppressione e/o la negazione della libertà, alla presa di coscienza delle radici dei conflitti culturali, politici, razziali o religiosi e al loro superamento valorizzando testimonianze d’impegno umano che rendono possibile questo superamento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    La vita nel foyer, e quei brutti pensieri che ritornano

    PROCESSO

    Dopo quasi un anno dal suo ricovero in una struttura oltralpe il giovane alla sbarra per la sventata strage alla Commercio di Bellinzona ha manifestato di nuovo intenzioni suicide: «Temevo di fare ancora del male alle persone»

  • 2

    Amianto alle Officine FFS, 80 chiamate in tre mesi

    Bellinzona

    Le parti sociali tracciano un bilancio positivo della hotline lanciata a marzo - Le informazioni raccolte serviranno a proseguire l’indagine sui possibili casi di malattia emersi in relazione all’attività nello stabilimento nei decenni scorsi - Pronzini (UNIA): «150 persone circa da monitorare»

  • 3

    Cent’anni di elettricità al Ritom

    Energia

    Il 1. luglio 1920 vennero messe in funzione le turbine della centrale leventinese - Fu il primo impianto idroelettrico di proprietà delle FFS ad entrare in esercizio - Tra qualche anno verrà sostituito grazie al progetto da 250 milioni in corso

  • 4

    Quel video inquietante: «Ucciderò quegli idioti e poi la farò finita»

    In aula

    Proiettata in aula la videoregistrazione fatta dal giovane il 3 maggio 2018, una decina di giorni prima della strage sventata alla Commercio di Bellinzona: «Così finiranno di disprezzarmi. Io non porto rispetto a nessuno» – Lo ha ribadito oggi in aula: «Sarei andato a scuola per ammazzare persone a caso»

  • 5

    «Il pazzo sa nascondere la sua pazzia dietro una maschera»

    Le parole dell’imputato

    Sventato attacco alla Commercio di Bellinzona: già alcuni anni prima dell’arresto, il giovane oggi a processo aveva minacciato di far del male a delle persone - «Ma allora non volevo fare una strage, pensavo piuttosto a qualcosa di mirato: poi sì, ho deciso di colpire e di uccidermi»

  • 1
  • 1