Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom

Condivisione

Il riconoscimento 2020 della Fondazione Spitzer assegnato al progetto della Scuola moderna di musica della Turrita - In maggio eseguirà un concerto via Internet insieme agli studenti del villaggio israeliano

Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom
Una delegazione di docenti e alunni della scuola premiata immortalata nel Giardino dei Giusti di Lugano. ©Marco Gianinazzi

Premiato il ponte musicale tra Bellinzona e Neve Shalom

Una delegazione di docenti e alunni della scuola premiata immortalata nel Giardino dei Giusti di Lugano. ©Marco Gianinazzi

Il progetto «Condividere le diversità: un concerto in rete con Neve Shalom» è valso alla Scuola moderna di musica di Bellinzona il Premio Spitzer 2020. Sviluppata in collaborazione a distanza con gli allievi della scuola del villaggio di Wahat al-Salam-Neve Shalom («Oasi di pace») nello Stato di Israele, l’iniziativa consiste nella preparazione di un concerto che durante il mese di maggio verrà eseguito in simultanea tramite collegamento Internet dagli allievi delle due scuole.

Fondato da Bruno Hussar - ingegnere ebreo egiziano di origine italiana e convertito al cristianesimo - superando incredibili difficoltà e pregiudizi religiosi e politici - il villaggio Neve Shalom ha realizzato un’esperienza unica poiché è il solo abitato in cui ebrei e palestinesi (cristiani e musulmani) convivono educando comunitariamente i loro figli nelle lingue e nelle culture araba e ebraica, mantenendo in vita un Centro di educazione alla pace. Culturalmente avvincente (e estremamente moderno) è anche il tema della contaminazione fra generi e tradizioni musicali diverse che fa da filo conduttore del progetto.

L’itinerario di approfondimento è accompagnato da ricche schede didattiche e prevede un dialogo a distanza tra le due scuole. Nel suo insieme il progetto sviluppato dalla Scuola moderna di musica di Bellinzona in collaborazione con gli studenti israeliani «è di sicuro valore anche perché esprime una viva tensione morale e si avvale in modo intelligente delle possibilità offerte dagli attuali strumenti di comunicazione» si può leggere nella motivazione con la quale la Fondazione Federica Spitzer ha deciso di attribuirgli il riconoscimento. Fondazione che sostiene ogni anno progetti promossi da istituti scolastici ticinesi e del Grigioni italiano che rispondono ai suoi scopi. I progetti in particolare devono educare i giovani alla presa di coscienza di genocidi e/o persecuzioni valorizzando testimonianze di resistenza umana e l’impegno contro l’oppressione e/o la negazione della libertà, alla presa di coscienza delle radici dei conflitti culturali, politici, razziali o religiosi e al loro superamento valorizzando testimonianze d’impegno umano che rendono possibile questo superamento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Coronavirus e luci rosse: «S’intervenga»

    L’APPELLO

    Alcuni cittadini di Arbedo-Castione hanno scritto al Municipio auspicando un «intervento deciso e urgente a protezione dei cittadini», considerando che il postribolo presente sul territorio comunale è frequentato anche da cittadini provenienti dal nord Italia

  • 2

    La morte in pista, due versioni, tanto dolore

    Lodrino

    Processo bis il 10 marzo per l’incidente che il 21 agosto 2014 costò la vita ad un giovane del Bellinzonese che era entrato all’aerodromo per provare la motocicletta - Centrò il furgone guidato dall’addetto alla sicurezza che deve rispondere di omicidio colposo

  • 3

    La Bellinzona aggregata... ora anche colorata

    CARNEVALE

    A distanza di ventiquattro ore dal corteo mascherato del Rabadan le polveri «sparate» dal satirico treno della Jungla sono ancora ben visibili - Come ad esempio sulla facciata della Casa Rossa, bene tutelato recentemente restaurato

  • 4

    Alle elezioni prendi il sale, ma al Municipio non piace

    IL CASO

    L’Esecutivo di Blenio vuole abolire la tradizione risalente agli anni 1850-1900 in quanto sempre meno persone si recano agli uffici per ritirare l’alimento: «È un’iniziativa anacronistica che non ha più motivo di esistere» - La parola passa ora al Legislativo

  • 5

    La polemica al centro del villaggio

    Valle Morobbia

    Il Tribunale amministrativo cantonale ha annullato la licenza edilizia per la posa di un ripetitore per la telefonia mobile in un vano del campanile della chiesa di Sant’Antonio in quanto bene protetto - La Swisscom si è appellata ai giudici di Losanna

  • 1
  • 1