«Problemi ambientali, la popolazione può fare molto»

Greenday 2020

Festa della sostenibilità sabato 26 settembre in Piazza del Sole nell’ambito della settimana europea sul tema - Obiettivo: avvicinare la gente in maniera positiva e divertente a possibili soluzioni dei grossi problemi ecologici attuali

«Problemi ambientali, la popolazione può fare molto»
Ecologia.

«Problemi ambientali, la popolazione può fare molto»

Ecologia.

«Problemi ambientali, la popolazione può fare molto»
Rifiuti. ©CdT/Archivio

«Problemi ambientali, la popolazione può fare molto»

Rifiuti. ©CdT/Archivio

«Avvicinare la popolazione in maniera positiva, divertente e costruttiva a possibili soluzioni per affrontare le grosse problematiche ambientali a cui siamo confrontati in questa epoca, al fine di contribuire a costruire un futuro più roseo per le prossime generazioni». Con questo obiettivo sabato 26 settembre in Piazza del Sole a Bellinzona si terrà la festa della sostenibilità «Greenday 2020». È organizzata dalla Società ticinese di scienze naturali (STSN) nell’ambito della Settimana europea per lo sviluppo sostenibile e in collaborazione con una cinquantina di enti, istituti e associazioni. Questi animeranno in maniera ludica e divertente bancarelle e postazioni con attività interattive per la promozione di semplici azioni e stili di vita volti a ridurre il proprio impatto ambientale e a favorire la biodiversità.

Uno scopo condiviso
«Solo il coinvolgimento e l’impegno da parte di ognuno - spiegano i promotori - permetterà la transizione verso una società moderna, sostenibile ed economicamente performante al tempo stesso». La filosofia della giornata potrebbe infatti essere riassunta così: «Tanti semi, tutti insieme, danno vita a una splendida foresta. Ogni contributo conta e non è mai troppo piccolo, perché non ne valga la pena darlo». Il programma prevede momenti di intrattenimento teatrale, musicale, un paio di postazioni di street food e, in collaborazione con alcuni ristoranti, il menù del mercato sostenibile. Alle 17 sono previsti i saluti da parte del consigliere di Stato Christian Vitta, del sindaco di Bellinzona Mario Branda e della presidente della STSN Manuela Varini. Seguirà la premiazione del concorso della giornata e il finale con un cantastorie. Durante lo svolgimento delle attività verranno messe in atto le misure di protezione sanitarie raccomandate dalle autorità, sottolineano gli organizzatori. Il programma completo dell’evento si trova sul sito www.stsn.ch/greenday.

Un lavoro di squadra
La STSN, sezione dell’Accademia svizzera di Scienze naturali, ha in parte posticipato al 2021 le sue attività sul tema a causa dell’emergenza sanitaria. Ma, appunto, pur con tutte le precauzioni, non rinuncia alla festa sul tema della sostenibilità. La stessa è promossa in collaborazione con vari attori: la Città, la Società Commercianti cittadina con il mercato che si tiene ogni sabato nel centro storico, e una cinquantina di enti, associazioni e istituti di ricerca, tra cui anche alcuni della Scuola universitaria professionale della svizzera italiana, e il Dipartimento delle finanze e dell’economia e il Dipartimento del territorio del Cantone, che patrocinano l’evento. Questi enti parteciperanno ad animare la giornata con postazioni e bancarelle con attività interattive per approfondire in maniera ludica, ma allo stesso tempo scientifica, vari aspetti legati al tema.

Inquinamento. ©CdT/Archivio
Inquinamento. ©CdT/Archivio
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    «Alle Officine di Bellinzona si rischia l’effetto-domino»

    Ferrovia

    La Commissione del personale dello stabilimento torna a contestare la prevista dismissione anticipata della manutenzione dei carri merci temendo una grossa perdita di lavoro nonostante i nuovi incarichi - Intanto si chiede ancora che la direzione aziendale fornisca il piano industriale concernente la futura sede di Castione - D’accordo con il Consiglio di Stato si programma un incontro tre le parti

  • 5

    Rissa tra giovani: si cercano l’arma e il movente

    IL CASO

    Giubiasco, gli inquirenti sono al lavoro ininterrottamente per chiarire quanto capitato in via Linoleum - L’alterco sarebbe scoppiato per questioni di soldi - Un terzetto ha affrontato l’altro e poi è spuntato un oggetto contundente, verosimilmente una mazza

  • 1
  • 1