Quei «castighi straordinari» in un foyer ticinese

processo

A processo quattro persone attive in una struttura per minorenni - Devono rispondere di abbandono, coazione ripetuta e lesioni semplici

Quei «castighi straordinari» in un foyer ticinese
© Shutterstock

Quei «castighi straordinari» in un foyer ticinese

© Shutterstock

Son casi di cui, come giornalisti, faremmo volentieri a meno di scrivere. Ma il dovere di cronaca ci impone di riferirne, anche perché i fatti così come descritti nell’atto d’accusa della procuratrice pubblica Chiara Borelli sono gravi. E sarebbero avvenuti in una struttura che ha quale scopo quello di proteggere chi più ne ha bisogno. Da oggi alle Assise correzionali compaiono alla sbarra quattro imputati prevenuti colpevoli (a vario titolo di responsabilità) di abbandono, coazione ripetuta e lesioni semplici per quanto successo in un foyer per minorenni in Canton Ticino. La Corte è presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, mentre gli accusati sono difesi dalle avvocatesse Marina Gottardi e Giuditta Rapelli-Aiolfi e dai loro colleghi legali Carlo Steiger ed Olivier Ferrari. Il dibattimento durerà almeno due giorni: la mattinata è trascorsa finora in formalismi e istanze probatorie e non si è entrati nel vivo dei rimproveri mossi.

Nell'atto d'accusa di sette pagine la procuratrice pubblica Chiara Borelli riporta, per quanto attiene il reato di abbandono, il fatto che tre degli imputati abbiano deciso di non più somministrare ad un utente un farmaco «poiché equivalente per loro a veleno». Il fatto, sostiene la pp, è che il giovane a seguito di questa misura ha avuto «uno scompenso psicotico acuto». Passiamo ora alla coazione ripetuta. Si tratta di cinque episodi riguardanti dei cosiddetti «castighi straordinari». Si va dall'obbligo di spaccare dell'asfalto con un martello e una punta in ferro, di portare sacchi di sabbia e di dormire per terra in una stanza senza riscaldamento e lì mangiare pure i pasti a lasciare uno degli ospiti solo in cantina o imporre ad un altro di interrompere ogni rapporto con la madre ad eccezione di alcune telefonate. Le lesioni semplici, infine. Una singola fattispecie: un adolescente è caduto da una capanna sull'albero fratturandosi il polso. Gli imputati, come detto, non hanno ancora avuto modo di esprimersi, se non sulla loro situazione personale. Ma tutto lascia intuire che si dichiareranno innocenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    «Impossibile, in queste condizioni, aprire gli impianti»

    San bernardino

    Le infrastrutture principali di Confin resteranno chiuse «al 99% a meno di nuove disposizioni da parte di Berna» - Nella località altomesolcinese si potrà comunque sciare in centro paese e divertirsi con le numerose offerte di svago da sabato

  • 3

    Casa della socialità, cantiere al via dopo anni di attesa

    Bellinzona

    Al termine di un iter caratterizzato da ricorsi sono partiti i lavori per la realizzazione del complesso promosso da Pro Infirmis - Ospiterà anche la Fondazione Madonna di Re, la Lega polmonare ticinese, la Lega contro il reumatismo e il Servizio per i sordo ciechi: la consegna è prevista per giugno 2022 - Nello stesso luogo un tempo c’era un ristorante, un sala da ballo, un cinema e una pista di ghiaccio

  • 4

    Malmenato e rinchiuso sul terrazzino

    Criminalità

    Ingente dispiegamento di forze mercoledì mattina in piazza del Sole a Bellinzona per soccorrere un giovane ferito leggermente nella rissa scoppiata nel suo appartamento - Si cercano i due aggressori

  • 5

    Sicurezza nel tunnel: «La segnaletica si può migliorare»

    MOBILITÀ

    Moesano: il consigliere di Stato retico Mario Cavigelli, il consigliere nazionale Martin Candinas ed il deputato Samuele Censi hanno incontrato a Berna i vertici del DATEC ed il direttore dell’USTRA Jürg Röthlisberger per discutere della galleria autostradale San Fedele a Roveredo - Il sindaco di Grono: «Un summit di lavoro che è stato proficuo»

  • 1
  • 1