Quel movente che non si trova

Strage sventata alla Commercio: gli inquirenti stanno setacciando il materiale sequestrato al giovane - Si sta inoltre verificando l'eventuale presenza di complici

Quel movente che non si trova

Quel movente che non si trova

Quel movente che non si trova
Il 19.enne arrestato giovedì scorso.

Quel movente che non si trova

Il 19.enne arrestato giovedì scorso.

BELLINZONA - Scandagliare le intenzioni del 19.enne per capire qual era il suo piano, il movente e l'eventuale presenza di complici o persone che l'hanno aiutato o avrebbero potuto dargli una mano se fosse entrato in azione, anche se lui nega. La strage sventata alla Scuola cantonale di Commercio (SCC) a Bellinzona è la priorità degli inquirenti che stanno passando al setaccio il computer, il telefono cellulare, il diario ed altri scritti del giovane per trovare le motivazioni alla base della folle azione che l'allievo avrebbe voluto mettere in atto proprio oggi, martedì 15 maggio, una data forse non casuale (si veda più avanti). Si stanno cercando quegli indizi che, messi assieme, costituirebbero una prova inconfutabile della volontà di colpire uccidendo docenti e compagni di classe. Il sostituto procuratore generale Antonio Perugini, titolare della delicata inchiesta, non ha ancora interrogato il prevenuto colpevole di atti preparatori di assassinio subordinatamente di omicidio; lo farà con ogni probabilità solo all'inizio di settimana prossima. Nel frattempo, stando alle informazioni in nostro possesso, il 19.enne ricoverato in una clinica psichiatrica piange, chiede dei genitori e non si spiega la carcerazione preventiva che come noto è stata prorogata almeno sino a metà luglio.

Il 15 maggio è una data casuale?

Un'altra domanda è legata al 15 maggio. Perché compiere una strage proprio oggi? Si sa che era giorno d'esami (nel frattempo posticipati, come detto) e quindi il 19.enne sarebbe andato a colpo sicuro, visto che i professori e gli allievi che voleva ammazzare sarebbero stati presenti. Ma c'è dell'altro? Gli inquirenti non si sono posti la questione. Il 15 maggio 1948 è il primo giorno effettivo dello Stato d'Israele. Nel 1974 fu compiuto il massacro di Ma'alot: dei terroristi palestinesi uccisero 25 persone (fra cui 22 bambini) alle Elementari di Netiv Meir. Il 19.enne voleva ricordare questi eventi? Sembra di no, ma allo stato attuale non si può escludere nulla.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
    elettricità

    C’è l’accordo fra Bellinzona e i «ribelli»

    Intesa raggiunta tra la Città e Arbedo-Castione, Lumino e Sant’Antonino per quanto riguarda la partecipazione agli utili dell’Azienda multiservizi - Con Cadenazzo il via libera era già stato trovato

  • 2
    Bellinzona

    «Piazza del Sole va rivalorizzata»

    Si anima il dibattito dopo il nostro articolo: il consigliere comunale Alessandro Lucchini invita il Municipio ad indire un nuovo concorso di idee per l’agorà cittadina

  • 3
    nuovo stabilimento

    «Vogliamo fortemente le Officine a Castione»

    Nostra intervista alla direttrice della Regione Sud delle Ferrovie Roberta Cattaneo che esclude la presenza di un piano B e rassicura gli operai sulla fase di transizione dall’attuale al futuro sito produttivo

  • 4
  • 5
    Officine FFS

    Referendum, più no che sì?

    Nuovo stabilimento industriale a Castione: l’Unione contadini ticinesi ha ricevuto chiare rassicurazioni dal Governo e dalle Ferrovie e potrebbe anche rinunciare alla raccolta firme - La decisione definitiva verrà comunque presa solo dopo il voto del Parlamento