Quel pugno e il movente misterioso

PROCESSO

Dibattimento bis di fronte alla Corte di appello per due fratelli condannati nell’aprile 2018 a pena sospesa per aver picchiato un trentenne in una discoteca del Bellinzonese - Gli imputati negano di aver sferrato un cazzotto alla vittima

Quel pugno e il movente misterioso
(Foto Archivio CdT)

Quel pugno e il movente misterioso

(Foto Archivio CdT)

BELLINZONA - «È vero che manca il movente, ma forse non si poteva raccontare». Si era chiuso così, il 10 aprile 2018 in Pretura penale, il processo a carico di due fratelli trentenni condannati dalla giudice Elettra Orsetta Bernasconi Matti a una pena sospesa di 35 aliquote giornaliere da 90 e 80 franchi per aver sferrato un pugno a un loro coetaneo in una discoteca del Bellinzonese nel dicembre 2015. Domani, martedì 25 giugno, di fronte alla Corte di appello e di revisione penale di Locarno presieduta da Giovanna Roggero-Will, si terrà il dibattimento di seconda istanza a seguito del ricorso inoltrato dagli imputati, difesi dall’avvocato Yasar Ravi. L’accusa sarà sostenuta dal procuratore pubblico Moreno Capella. Devono rispondere del reato di lesioni semplici. In primo grado era stata ritenuta più credibile la versione fornita dalla vittima, mentre quella dei fratelli (che negano i fatti) era stata valutata “meno lineare e costante nonché piena di contraddizioni”. Per la giudice della Pretura sono stati gli imputati a picchiare il giovane: le lesioni sono state considerate compatibili con i cazzotti che la parte lesa sostiene di aver subito. Di tutt’altro parere è il patrocinatore degli accusati, secondo il quale i suoi clienti devono essere assolti per non aver commesso il fatto. E per l’assenza del movente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Delitto di Monte Carasso: l’uomo ritira il ricorso

    GIUDIZIARIA

    Non ci sarà nessun processo d’Appello per il 49.enne ticinese - La decisione è stata presa negli scorsi giorni dopo una profonda riflessione - La condanna a 16 anni di carcere per assassinio è quindi definitiva

  • 3
  • 4

    Due Filarmoniche per un concerto magico

    MUSICA

    La prima esibizione dei sodalizi di Bellinzona e di Faido è stata un successo: si replicherà in media Leventina domenica 15 dicembre - Le due formazioni si distinguono nel panorama bandistico ticinese per la capacità di far musica assieme

  • 5

    Artore ritrova il suo amato organo

    MUSICA

    Terminati i lunghi lavori di restauro lo strumento della chiesa di San Sebastiano è tornato al suo antico splendore - La cerimonia di riconsegna è in programma domenica 8 dicembre in occasione della festa dell’Immacolata

  • 1
  • 1