Quella gru che non piace alle Ferrovie

TECNOLOGIE

Castione: l’ex regia federale ha inoltrato opposizione, a titolo cautelativo, contro l’innovativo progetto di una torre per lo stoccaggio di energia - Le parti dovrebbero tuttavia trovare un accordo - «Si tratta infatti di un impianto solo temporaneo», osservano i promotori

Quella gru che non piace alle Ferrovie
© Business Wire

Quella gru che non piace alle Ferrovie

© Business Wire

Quella gru che non piace alle Ferrovie
© Business Wire

Quella gru che non piace alle Ferrovie

© Business Wire

Una sola opposizione. Destinata però ad essere ritirata. Le Ferrovie hanno mostrato pollice verso, a titolo cautelativo, al progetto della grande gru promosso dalla start-up luganese Energy Vault che tra il febbraio e il luglio 2020 verrà testata in prima mondiale a Castione. Le parti si troveranno prima di Natale per un’udienza di conciliazione. La ditta con alla testa il CEO Robert Piconi e l’ingegnere Andrea Pedretti spiegherà all’ex regia federale che la sua innovativa idea è temporanea. Ovvero non rimarrà per sempre nel Comune bellinzonese (dietro alla stazione ferroviaria, vicino alla centrale della Coop) ma esclusivamente un anno. Ricordiamo che, dal 2026, in quel comparto, ma più verso nord, si insedieranno le nuove Officine FFS per un investimento di 360 milioni di franchi.

«Speriamo di trovare una soluzione con le FFS. Sono fiducioso. Per il resto possiamo ritenerci soddisfatti. Nelle prossime settimane depositeremo il materiale che, quindi, sarà già pronto quando verrà rilasciata la licenza edilizia», conferma l’ingegnere Mauro Pedretti, il quale si è occupato di preparare la documentazione tecnica per la domanda di costruzione. Dopo aver visionato il dossier l’Associazione per il miglioramento ambientale del comparto (AMICA) ha per contro deciso di non opporsi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Lunghe code al portale sud del San Gottardo

    Traffico

    Con la fine delle vacanze in alcuni cantoni i viaggiatori diretti a nord devono dar prova di grande pazienza: nel pomeriggio la colonna ha raggiunto i 9 chilometri - Disagi anche in direzione del Ticino - Forti rallentamenti si segnalano pure sull’A13

  • 2

    Intervalves di Biasca, novità all’orizzonte?

    INDUSTRIA

    La storica ditta aveva annunciato la chiusura a metà febbraio, ma adesso non sono da escludere «scenari inattesi: nell’aria c’è qualcosa di positivo» - Dopo la decisione di cessare l’attività, intanto, sono aumentate in modo importante le ordinazioni da parte dei clienti

  • 3

    Prendono vita le opere di Vincenzo Vela

    Arte

    Riproduzione in 3D delle sculture a Locarno e Giornico grazie all’iniziativa di Philippe Antonello e Stefano Montesi e in onore del bicentenario della nascita

  • 4

    Corbaro è tornato a volare sulla Turrita

    BELLINZONA

    Dopo oltre due mesi è stato liberato lo strigide curato da uno studio veterinario e dalla Società protezione animali cittadina nel rifugio di Gorduno-Gnosca - Che rende attenti: «I rapaci notturni faticano a sopravvivere a causa della continua erosione del loro habitat»

  • 5

    Nessuno sconto di pena per la violenza carnale

    Bellinzonese

    Condanna confermata anche dalla Corte di appello per il balcanico che a giugno del 2019 forzò una giovane ad avere un rapporto sessuale completo: 4 anni di carcere ed espulsione dalla Svizzera

  • 1
  • 1