Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Castione

L’impianto per lo stoccaggio di energia sorgerà su un terreno ghiaioso - A livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro che non preoccupano i promotori - Mistero attorno all’altezza: 60, 100 metri o una via di mezzo?

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
© Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

© Business Wire

Sorgerà su uno «spesso strato di materiale alluvionale», contraddistinto da sedimenti ghiaiosi «abbastanza compatti». Considerando la «buona» qualità del terreno, a livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro. La super gru che tra il febbraio e il luglio 2020 verrà testata per la prima volta al mondo a Castione non farà insomma la fine della Torre di Pisa, tanto per capirci. A livello di sicurezza non c’è nulla da temere, affermano gli stessi promotori (la start-up luganese Energy Vault con alla testa il CEO Robert Piconi e l’ingegnere Andrea Pedretti) nella corposa documentazione allegata alla domanda di costruzione che il CdT è andato ieri a spulciare. Relazioni tecniche dettagliate di non facile comprensione per chi non è del mestiere, che cercheremo tuttavia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Sotto i platani accanto al politico ginnasta

    Perle nascoste di Bellinzona

    La piazza dedicata all’ex consigliere di Stato Rinaldo Simen ha cambiato nome ben tre volte: prima si chiamava piazza Grande e poi piazza della Posta - Alla fine dell’Ottocento vi transitavano le carrozze e persino la diligenza del San Gottardo

  • 2

    La bassa Leventina crede sempre nel sogno

    FERROVIE

    Nuove Officine: i Comuni di Bodio, Giornico e Personico e quello di Biasca nonché la Commissione regionale dei trasporti hanno scritto all’Ufficio federale dei trasporti ed al Consiglio federale - Per loro la soluzione ideale per ospitare il moderno sito produttivo è e rimane l’ex Monteforno

  • 3

    Riecco la giornata in memoria di «Augu»

    Monte Carasso

    Dopo un anno di stop a causa della pandemia, il 29 agosto torna l’evento dedicato al DJ bellinzonese prematuramente scomparso otto anni fa - Torneo di calcio per i bambini, grigliata e ovviamente musica, sempre all’insegna della beneficenza

  • 4

    Dall’alto sei ancora più Bell(inzon)a

    Perché questa strada si chiama così

    Cambia la preposizione articolata, ma da Vicolo del (o al) Sasso ci si arrampica come l’edera verso il Castelgrande - Lo sperone di roccia per antonomasia, il bastione difensivo e di sbarramento in epoca medievale nonché il luogo privilegiato per controllare i traffici nord-sud

  • 5

    Le Officine trovano un’AMICA, ma a determinate condizioni

    FERROVIE

    Castione: l’Associazione per il miglioramento ambientale del quartiere prende posizione in merito all’inserimento del futuro sito produttivo nel Piano settoriale dei trasporti - Sotto la lente finiscono la scarsa informazione pubblica sul progetto, il sacrificio di terreni agricoli e le spese che dovrà sobbarcarsi il Comune per le opere infrastrutturali

  • 1
  • 1