Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Castione

L’impianto per lo stoccaggio di energia sorgerà su un terreno ghiaioso - A livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro che non preoccupano i promotori - Mistero attorno all’altezza: 60, 100 metri o una via di mezzo?

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
© Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

© Business Wire

Sorgerà su uno «spesso strato di materiale alluvionale», contraddistinto da sedimenti ghiaiosi «abbastanza compatti». Considerando la «buona» qualità del terreno, a livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro. La super gru che tra il febbraio e il luglio 2020 verrà testata per la prima volta al mondo a Castione non farà insomma la fine della Torre di Pisa, tanto per capirci. A livello di sicurezza non c’è nulla da temere, affermano gli stessi promotori (la start-up luganese Energy Vault con alla testa il CEO Robert Piconi e l’ingegnere Andrea Pedretti) nella corposa documentazione allegata alla domanda di costruzione che il CdT è andato ieri a spulciare. Relazioni tecniche dettagliate di non facile comprensione per chi non è del mestiere, che cercheremo tuttavia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    I Federer del futuro crescono a Grono

    SPORT

    Inaugurati i nuovi campi in terra rossa del Tennis club Moesa - Soddisfazione per il presidente del sodalizio Giulio Cattaneo e per le autorità del Comune bassomesolcinese guidate dal sindaco e granconsigliere Samuele Censi

  • 3

    Tra fedeltà e dinamismo c’è una Città che freme

    LA SFIDA

    Bellinzona: il duello fra Mario Branda e Simone Gianini per la poltrona di sindaco sta appassionando la capitale - Sia il 61.enne socialista sia il 45.enne liberale radicale hanno ottenuto numerosi endorsement di peso quali, rispettivamente, quelli del medico Giorgio Noseda e della presidentessa del PLR svizzero Petra Gössi - Intanto la partecipazione al voto supera il 30%

  • 4

    «Personale motivato e incentivato»

    TURRITA

    Bellinzona, il Municipio fa chiarezza in merito all’amministrazione comunale per quanto riguarda in particolare i trasferimenti interni e l’assunzione di nuove funzioni in seno alla Città

  • 5
  • 1
  • 1