Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Castione

L’impianto per lo stoccaggio di energia sorgerà su un terreno ghiaioso - A livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro che non preoccupano i promotori - Mistero attorno all’altezza: 60, 100 metri o una via di mezzo?

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

Un esempio di utilizzo della torre ideata dalla start-up luganese Energy Vault. © Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa
© Business Wire

Quella gru non sarà come la Torre di Pisa

© Business Wire

Sorgerà su uno «spesso strato di materiale alluvionale», contraddistinto da sedimenti ghiaiosi «abbastanza compatti». Considerando la «buona» qualità del terreno, a livello statico si prevedono cedimenti massimi dell’ordine di 1 centimetro. La super gru che tra il febbraio e il luglio 2020 verrà testata per la prima volta al mondo a Castione non farà insomma la fine della Torre di Pisa, tanto per capirci. A livello di sicurezza non c’è nulla da temere, affermano gli stessi promotori (la start-up luganese Energy Vault con alla testa il CEO Robert Piconi e l’ingegnere Andrea Pedretti) nella corposa documentazione allegata alla domanda di costruzione che il CdT è andato ieri a spulciare. Relazioni tecniche dettagliate di non facile comprensione per chi non è del mestiere, che cercheremo tuttavia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    «La musica è tutto, sto vivendo un sogno»

    Storie

    Il giovane Michel Steyaert di Claro ha scritto, composto e poi pubblicato quattro brani su Youtube - «All’inizio lasciavo tutto a metà, poi ho imparato ad apprezzare ciò che produco e adesso spero di migliorare ancora»

  • 2
  • 3
  • 4

    Il rammarico di Claro: «Mancanza di rispetto per la nostra storia»

    Petizione

    Si raccolgono firme per chiedere al Municipio di Bellinzona il ripristino del mosaico in pietra che richiamava l’anno di costruzione della casa comunale - La rimozione è avvenuta nell’ambito dei lavori per la creazione dell’accesso ai portatori di andicap allo sportello di quartiere e postale - Sull’intervento ci sono anche una mozione e un’interpellanza

  • 5

    La «cittadella della giustizia» nel cuore della capitale

    PROGETTO

    Bellinzona: il Pretorio di viale Stefano Franscini verrà ristrutturato ed ampliato grazie ad un investimento di una cinquantina di milioni di franchi - Il cantiere si concluderà nell’autunno 2025 - Il futuro complesso ed il Tribunale penale federale saranno «uniti» da una piazza pubblica

  • 1
  • 1