Retata anti-prostituzione: due locali chiusi

In manette due svizzeri e un croato che gestivano gli esercizi del Bellinzonese - Diverse le lucciole denunciate

Retata anti-prostituzione: due locali chiusi

Retata anti-prostituzione: due locali chiusi

BELLINZONA - Un'operazione di polizia antiprostituzione è stata effettuata presso due locali notturni, entrambi situati nel Bellinzonese. La notizia, anticipata questa mattina dal CdT, è stata confermata dal Ministero Pubblico e dalla Polizia cantonale.Nel primo esercizio pubblico, a Cadenazzo, sono state controllate 12 donne (8 brasiliane, una romena, 2 italiane e una marocchina). Di queste, solo una era in possesso del regolare permesso. Le altre 10 donne sono state denunciate al Ministero Pubblico per esercizio illecito della prostituzione e entrata, partenza o soggiorno illegali e attività lucrativa senza autorizzazione e una sola per esercizio illecito della prostituzione. I responsabili del locale, un 81.enne e un 55.enne, entrambi svizzeri domiciliati nel Bellinzonese, sono stati interrogati, denunciati e arrestati per usura, amministrazione infedele, promovimento ed esercizio illecito della prostituzione, delitto contro la Legge federale  sull'imposta federale diretta, infrazione alla Legge federale sugli stranieri e frode fiscale. Inoltre sono stati controllati sette avventori.

Nel secondo locale sempre a Cadenazzo, al momento del controllo erano presenti 7 donne (4 brasiliane, 2 marocchine e una cubana) una denunciata per esercizio illecito della prostituzione e le altre 6 per esercizio illecito della prostituzione e entrata, partenza o soggiorno illegali e attività lucrativa senza autorizzazione. Il responsabile del locale, un 64.enne cittadino croato domiciliato nel Bellinzonese, è stato interrogato, denunciato e arrestato per usura, promovimento ed esercizio illecito della prostituzione, infrazione alla Legge federale sugli stranieri, frode fiscale, delitto contro la Legge federale sull'imposta federale diretta e disobbedienza a decisioni dell'autorità. Inoltre sono stati controllati quattro avventori. I due esercizi pubblici sono stati chiusi. L'inchiesta è condotta dalla Polizia giudiziaria ed è coordinata dal procuratore generale John Noseda.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1