Riganti chiude lo stabilimento a Biasca

lavoro

La ditta lombarda, che aveva rilevato la Smb, lascia a casa 18 dipendenti - La decisione è legata a motivi economici

Riganti chiude lo stabilimento a Biasca
© CdT/Archivio

Riganti chiude lo stabilimento a Biasca

© CdT/Archivio

Il gruppo industriale Riganti, con base nel Varesotto, chiude lo stabilimento ticinese a Biasca. Saranno lasciati a casa 18 dipendenti. La comunicazione, come riferisce la Regione, è stata fatta questa mattina dalla direzione, in presenza dei sindacati Unia e Ocst.

La ditta aveva ritirato nel dicembre 2017 l’allora Smb, investendo 7 milioni. A causa delle difficoltà economiche l’azienda ha deciso di chiudere. Lo stop della produzione avverrà nel corso dell’estate. Nel frattempo è stata avviata la procedura di consultazione coinvolgendo maestranze e parti sociali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Faido cercherà di acquistare la casa delle vincenziane

    Progetto

    In una seduta con tema unico il Legislativo a larga maggioranza ha approvato la mozione PPD-PLR nonostante il preavviso negativo del Municipio, che ora dovrà procedere con trattative e messaggio - Le idee per la trasformazione: asilo nido, foyer casa-famiglia, centro diurno, centro musicale, ostello temporeaneo - Prezzo: 1,2 milioni

  • 3

    Blenio e Serravalle spendono, Roveredo pensa a un trasloco

    In seduta

    I Legislativi riuniti lunedì sera hanno approvato vari crediti tra cui quello di 200.000 franchi per l’ampliamento della capanna Gorda sopra Aquila e quello di 108.000 franchi per nuovi posteggi a Malvaglia - Nel Comune mesolcinese si riflette sullo spostamento dell’amministrazione comunale

  • 4
  • 5

    Il virus fa calare il sipario anche sui mercatini natalizi

    Bellinzona

    Dopo che era stato individuato un percorso che avrebbe garantito le distanze, il tipo di manifestazione è finito sullo stesso piano dei grandi eventi e i Commercianti della capitale hanno deciso di rinunciare: «Lo spirito festoso sarebbe stato snaturato, comunque la responsabilità è ampia» - La presidente Claudia Pagliari ai soci: «Non molliamo, uniti ce la faremo»

  • 1
  • 1