Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

IL CASO

Faido, secondo un gruppo di lavoro il rilancio del Comune leventinese passa dal recupero degli edifici dismessi - Dal bed&breakfast agli appartamenti fino alla trasformazione degli storici ex alberghi Suisse e Milano di fronte alla stazione ferroviaria - LE FOTO

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque
Gli interni dell’ex hotel Suisse. © CdT/Chiara Zocchetti

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Gli interni dell’ex hotel Suisse. © CdT/Chiara Zocchetti

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque
L’ex hotel Milano. © CdT/Archivio

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

L’ex hotel Milano. © CdT/Archivio

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque
Una veduta del capoluogo leventinese. © CdT/Archivio

Ritorno al futuro: si sogna un’altra Belle Époque

Una veduta del capoluogo leventinese. © CdT/Archivio

Faido rivivrà la Belle Époque, quel periodo d’oro tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento in cui il borgo era una meta turistica conosciuta a livello europeo? Domanda da un milione, direte voi. Oggi come oggi sembra quasi un sogno irrealizzabile. Ma c’è un gruppo di lavoro che si sta adoperando per bissare il miracolo economico di oltre un secolo fa. Operazione difficile, certo, ma non impossibile. Soprattutto se si condividono le idee per raggiungere un obiettivo comune: il rilancio del capoluogo della Leventina, ridisegnando il territorio e sfruttando appieno il grande potenziale inespresso.

Strategie condivise

Alcuni «portatori di interesse» (con un anglicismo diremmo stakeholder) si sono riuniti per la prima volta negli scorsi giorni. Una decina le persone che hanno partecipato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Alan Del Don
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1