Scattano le manette dopo un furto con colluttazione

Arrestati un algerino e un marocchino accusati di diversi colpi in Ticino e Grigioni - A Camorino avevano preso di mira una villetta, dove uno dei residenti è rimasto ferito

Scattano le manette dopo un furto con colluttazione

Scattano le manette dopo un furto con colluttazione

BELLINZONA - Un 22enne cittadino algerino senza fissa dimora e un 25enne cittadino marocchino residente in Spagna sono finiti in manette negli scorsi giorni perché sospettati di diversi colpi in Ticino e nel canton Grigioni. L'arresto, comunicano il Ministero pubblico e la Polizia cantonale, è scattato il 31 ottobre. I due uomini sono accusati di una serie di furti con scasso in abitazioni e veicoli, in Ticino e nel canton Grigioni, nonché di un furto sfociato in rapina avvenuto il 30 ottobre in una villetta a Camorino, dove uno dei residenti è stato colpito durante una colluttazione riportando leggere ferite. A seguito di questi fatti sono subito scattate le indagini da parte della Polizia cantonale ticinese. Indagini culminate con il fermo, effettuato da agenti della Polizia cantonale grigionese a Rothenbrunnen (GR), a seguito di un furto segnalato a Roveredo.

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono quelle di rapina, ripetuto furto, violazione di domicilio, danneggiamento, vie di fatto, lesioni semplici e infrazione alla Legge federale sugli stranieri. L'inchiesta, coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, dovrà ora chiarire l'eventuale coinvolgimento del 25enne e del 22enne in altri episodi simili avvenuti sul nostro territorio. Al momento non verranno rilasciate ulteriori informazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1