Scontri alla Valascia, ecco il processo principale

In aula

Si è aperto a Lugano tra importanti misure di sicurezza il dibattimento a carico di cinque ultras accusati di sommossa per i tafferugli del 14 gennaio 2018 ad Ambrì

 Scontri alla Valascia, ecco il processo principale
© CdT/Gabriele Putzu

Scontri alla Valascia, ecco il processo principale

© CdT/Gabriele Putzu

Quattro ultras sono a processo da stamattina a Lugano di fronte alla Corte delle Assise correzionali per i tafferugli scoppiati il 14 gennaio 2018 ad Ambrì a margine dell’incontro tra HCAP e Losanna. Si tratta di due ticinesi (un terzo rinviato a giudizio non si è presentato) e due confederati. È il dibattimento più importante tenuto sinora nell’ambito dell’inchiesta del procuratore pubblico Nicola Respini, il quale ha firmato complessivamente 39 decreti d’accusa per quel pomeriggio di violenza e danneggiamenti. Quasi tutti i decreti sono stati impugnati, alcuni sono già giunti di fronte alla Pretura penale. Oggi invece tocca al Tribunale cantonale (importanti le misure di sicurezza all’entrata) con i fatti che saranno ricostruiti dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti.

Lunga la serie di reati di cui gli imputati devono rispondere, tra cui sommossa, violenza o minaccia contro la polizia, uso di esplosivi e armi, nonché accuse relative ad altre fattispecie.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1