Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli

PATRIMONIO

Quest’anno entreranno nel vivo i progetti di valorizzazione dei tre manieri di Bellinzona e del Visconteo di Locarno - Da fortezze a residenze dei balivi dei Cantoni: ripercorriamo in breve la loro importanza per il Ticino con lo storico Marco Marcacci - E anche a livello turistico si gongola

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli
Il Castelgrande. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli

Il Castelgrande. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli
Il Montebello. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli

Il Montebello. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli
Il Sasso Corbaro. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli

Il Sasso Corbaro. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli
Il Visconteo di Locarno. © CdT/Zocchetti

Senza soldi? Allora il Governo voleva «spianare» i castelli

Il Visconteo di Locarno. © CdT/Zocchetti

«Dal 1803 i manieri bellinzonesi e ciò che restava della Murata erano tra i pochi beni immobili di proprietà dello Stato ticinese: in parziale rovina, costituivano più che altro una fonte di spesa per lo squattrinato Cantone. Nel 1806 il Governo propose al Gran Consiglio di ‘far spianare e convertire in uso privato’ i castelli e la Murata, con l’intenzione di vendere all’asta i terreni così ricavati per finanziare le costruzioni stradali. Il Parlamento decise di aggiornare la discussione e il progetto di ‘spianamento’ finì nel dimenticatoio». Per fortuna, aggiungiamo noi. Da storico, Marco Marcacci sa quanto sia importante tutelare il patrimonio per tramandarlo intatto alle future generazioni.

Il 2021 per le città di Bellinzona e Locarno è un anno fondamentale sotto questo aspetto. Entrambe...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

    «Alle Officine di Bellinzona si rischia l’effetto-domino»

    Ferrovia

    La Commissione del personale dello stabilimento torna a contestare la prevista dismissione anticipata della manutenzione dei carri merci temendo una grossa perdita di lavoro nonostante i nuovi incarichi - Intanto si chiede ancora che la direzione aziendale fornisca il piano industriale concernente la futura sede di Castione - D’accordo con il Consiglio di Stato si programma un incontro tre le parti

  • 5

    Rissa tra giovani: si cercano l’arma e il movente

    IL CASO

    Giubiasco, gli inquirenti sono al lavoro ininterrottamente per chiarire quanto capitato in via Linoleum - L’alterco sarebbe scoppiato per questioni di soldi - Un terzetto ha affrontato l’altro e poi è spuntato un oggetto contundente, verosimilmente una mazza

  • 1
  • 1