Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati

IMPRENDITORIA

Delle studentesse della Commercio di Bellinzona hanno creato Elyris che commercializza un prodotto che può essere utilizzato quale pareo, copriletto, asciugamano o per decorare - Si fa capo ad una tecnica inventata in Giappone

Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati
© Elyris

Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati

© Elyris

Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati
© Elyris

Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati

© Elyris

«Il nostro obiettivo personale è quello di imparare ad estrapolare ogni beneficio che quest’esperienza è capace di offrirci, in termini sociali come anche di istruzione. La passione e l’entusiasmo nel lavorare in squadra vengono riversate nell’ottima qualità ed originalità del nostro prodotto». Sette giovani imprenditrici si lanciano sul mercato... con i loro teli colorati.

Anna-Mei Rezzonico, Lara Simoni, Nora Sabbatini, Giorgia Severoni, Chiara Solari, Yolanda Fraitag e Matilda Agnello frequentano la classe bilingue della Scuola cantonale di Commercio a Bellinzona e hanno creato Elyris, un’azienda che si occupa della produzione e della vendita di teli che vengono colorati a mano tramite il metodo «tie-dye» o decolorati con l’uso della candeggina.

Il target? Ragazze e mamme

La tecnica nasce nell’ottavo secolo in Giappone, sviluppandosi poi anche in Cina, Indonesia e Malesia. I disegni sui tessuti sono assolutamente casuali ed imprevedibili, poiché dipendono dalle diverse combinazioni di pigmenti ed acqua. D’altronde lo diceva anche il grande Picasso, aggiungiamo noi, «quando non ho più blu metto del rosso».

«I nostri teli possono essere utilizzati in svariati modi come ad esempio: telo da picnic, decorazioni per pareti, parei, borse, copriletti, teli da mare ed asciugamani», osservano le studentesse.

Il target principale di Elyris è quello delle ragazze adolescenti e delle mamme che possono utilizzare il telo in più modi: «Ci indirizziamo però anche a tutti coloro che vogliono un telo multifunzionale adatto alla vita di tutti i giorni e che può essere usato in diverse occasioni. In aggiunta, il suo utilizzo può essere modificato in base alle stagioni o alle festività».

Per assicurare una facile accessibilità a tutti senza limitazioni di distanza vengono garantite diverse modalità di vendita: online, sul posto, attraverso consegne, nelle fiere, eccetera. Maggiori informazioni sul sito Internet www.elyris.ch o sulla pagina Instagram «elyris.scc».

Sette donne alla conquista del mondo con i teli colorati
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    La bassa Leventina crede sempre nel sogno

    FERROVIE

    Nuove Officine: i Comuni di Bodio, Giornico e Personico e quello di Biasca nonché la Commissione regionale dei trasporti hanno scritto all’Ufficio federale dei trasporti ed al Consiglio federale - Per loro la soluzione ideale per ospitare il moderno sito produttivo è e rimane l’ex Monteforno

  • 2

    Riecco la giornata in memoria di «Augu»

    Monte Carasso

    Dopo un anno di stop a causa della pandemia, il 29 agosto torna l’evento dedicato al DJ bellinzonese prematuramente scomparso otto anni fa - Torneo di calcio per i bambini, grigliata e ovviamente musica, sempre all’insegna della beneficenza

  • 3

    Dall’alto sei ancora più Bell(inzon)a

    Perché questa strada si chiama così

    Cambia la preposizione articolata, ma da Vicolo del (o al) Sasso ci si arrampica come l’edera verso il Castelgrande - Lo sperone di roccia per antonomasia, il bastione difensivo e di sbarramento in epoca medievale nonché il luogo privilegiato per controllare i traffici nord-sud

  • 4

    Le Officine trovano un’AMICA, ma a determinate condizioni

    FERROVIE

    Castione: l’Associazione per il miglioramento ambientale del quartiere prende posizione in merito all’inserimento del futuro sito produttivo nel Piano settoriale dei trasporti - Sotto la lente finiscono la scarsa informazione pubblica sul progetto, il sacrificio di terreni agricoli e le spese che dovrà sobbarcarsi il Comune per le opere infrastrutturali

  • 5

    Officine FFS, «l’ipotesi Castione va scartata»

    IL CASO

    Pressing sul Consiglio federale da parte del gruppo Marti, che perderebbe oltre 32 mila metri quadrati - Nelle sue osservazioni in merito all’inserimento del futuro sito produttivo nel Piano settoriale dei trasporti le tre imprese che vi fanno capo invitano Berna a rivalutare la soluzione dell’ex Monteforno: «Ci sono aspetti che non sono stati considerati»

  • 1
  • 1