Si addensano le nuvole sulle finanze dei Castelli

Dopo un'interpellanza della Lega, in un comunicato il Municipio ha confermato che "la gestione dei Castelli ha accumulato disavanzi per 580mila franchi" - Chiesto un audit esterno

Si addensano le nuvole sulle finanze dei Castelli
Immagine d'archivio

Si addensano le nuvole sulle finanze dei Castelli

Immagine d'archivio

BELLINZONA - Monta la polemica attorno alla gestione finanziaria dei castelli di Bellinzona. La vicenda è emersa ieri in Consiglio Comunale con un'interpellanza della sezione cittadina della Lega dei Ticinesi (prima firmataria Leila Guscio) che sollevava interrogativi, appunto, sulla gestione dei castelli. Senza nemmeno lasciare il tempo di rispondere alle autorità, in una nota diffusa stamane, la sezione locale della Lega parlava addirittura di una gestione da "scandalo", riferendo di un possibile buco finanziario di oltre mezzo milione di franchi.

La conferma della Città In un comunicato il Municipio della Città di Bellinzona ha confermato questo pomeriggio i timori ipotizzati nell'interpellanza. "Tra il 2010 e il 2017 - scrive il Municipio nel comunicato - la gestione dei Castelli ha accumulato disavanzi non coperti da contributi pari a 580 mila franchi".

Nel dettaglioIn particolare, evidenzia il Municipio, verifiche in seno all'Organizzazione Turistica Regionale Bellinzonese e Alto Ticino (OTR) che gestisce la contabilità,  "hanno rilevato che tale disavanzo sarebbe dovuto nella misura di: 100mila CHF a costi straordinari per prestazioni di OTR precedenti il 2010; 170 mila CHF all'imposizione (non prevista e non richiesta sino al 2017) dell'IVA da parte dell'Amministrazione federale delle contribuzioni; 100mila CHF per costi generati dall'apertura prolungata dei manieri tra il 2015 ed il 2017; 145mila CHF per deficit delle attività espositive; 65mila CHF per ammortamenti non contabilizzati".

Chiesto un audit esternoAttualmente Cantone, OTR e Città stanno valutando ed elaborando delle modalità per coprire il disavanzo registrato. Dal canto suo il Municipio ha chiesto – e Cantone e OTR hanno accettato - l'effettuazione di un audit esterno per chiarire le procedure e i meccanismi decisionali e contabili che hanno condotto a questo scoperto. In ogni caso, conclude il Municipio nel comunicato, "è intenzione delle parti definire a partire dal 1.1.2019, al più tardi dal1.1.2020, una nuova governance per la gestione dei Castelli.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1